I pittuli du’ paisi

Io ogni jornu mi leggiu ‘u giornali

e cusi sacciu du mundu du’ bèni e du mali

Ma du’ paisi no’ sacciu nenti

di chiji chi fannu paisani e parenti

A chistu ‘ncì penzanu certi a genti ‘mportanti

chi si no’ ‘ncì su nui ristamu ‘ngnoranti

Staiu parrandu di pittuli du paisi

chi vannu facendu a tutti li spisi

No’ hannu pileggiu da sira ‘a matina

finu a quandu cuntanu di l’urtima fuitina

Di corna  da malasaluti e di ogni cosa

no’ hannu abbentu e nuju diji si riposa

Vannu girandu cugghjendu e dassandu

nu pocu a’ pedi nu pocu caminandu

Subba da ino’ hannu cchjù pili

ca’ i serpi ‘ncì scipparu l’urtimi fili

Quandu cuntanu di fatti brutti

fannu i piatusi e poi ‘ndì futtunu a tutti

A ogni giru mentinu a junta soi

e a’ fini u poviru agneju havi i corna du’ voi

‘U giornali di pittuli è sempi francu

di notti di jornu no’ è mai stancu

Io i ringraziu personalmente du’ bellu lavuru

ma u penzanu pì diji pì quandu veni u scuru

Ca’ ‘a vita ‘ncì finisci ammenzu a chija via

aundi u loru patri no’ passava pì corna ch’ havia.

I pettegoli del paese

Io ogni giorno mi leggo il giornale

e così so del mondo il bene e il male

Ma del paese non so niente

di quello che fanno paesani e parenti

A questo ci pensa certa gente importante

che se non ci fossero noi rimarremmo ignoranti

Sto parlando dei pettegoli del paese

che fanno a tutti le spese

Non hanno pazienza dalla sera alla mattina

fino a quando raccontano dell’ultima “fuitina”

Di corna malasalute e di ogni cosa

non hanno pace e nessuno di loro si riposa

Vanno girando raccogliendo e lasciando

un po’ a piedi un po’ camminando

Sopra della lingua non hanno più peli

perché le serpi gli hanno strappato gli ultimi fili

Quando raccontano dei fatti brutti

fanno i pietosi e poi ci fregano a tutti

A ogni giro mettono un po’ di suo

alla fine il povero agnello ha le corna di un bue

Il giornale dei pettegoli è sempre gratuito

di notte di giorno non è mai stanco

Io li ringrazio personalmente del bel lavoro

ma che pensino per loro per quando viene il buio

Che la vita gli finisce in mezzo a quella via

dove il loro padre non passava per le corna che aveva.

Il pettegolezzo ha a che fare con le dicerie che passano di bocca in bocca e vengono alimentate con aggiunte di particolari e interpretazioni personali tipici della comunicazione orale. Pertanto quando non c’è nulla di prioritario da comunicare all’interno del gruppo alcuni membri parlano di altri  sia in termini negativi ma anche in termini positivi solo per una forte necessità di comunicare. Un Proverbio calabrese dice: ‘ A lingua no’ havi ossu ma ruppi l’ossu cu’ tuttu ‘u  matr’ossu (La lingua non ha l’osso ma rompe l’osso con tutto il mastro osso).