‘Nu ciucciu e ‘nu porcu di ‘nu massaru

‘Nu ciucciu e ‘nu porcu di ‘nu massaru

stacianu di misi ‘ntà ‘nu pagghjaru

‘Nu jornu ‘u porcu affacciandu du’ porcili

vidi ‘nu ciucciu scurciatu di pili

Era carricu cchjù no’ pozzu

havia dui sacchi fino ‘o cannarozzu

Cusi ogni jornu ‘u massaru partendu

turnava cu’ ‘stu ciucciu chi stava sbinendu

‘U porcu i luntanu mangiandu e grugnandu

‘u vidi distruttu e ‘u vaci chiamandu

“‘O ciucciu stortu t’ammazzi chi vai facendu

ca’ a pocu jorna ta’ vai cugghjendu

Ti levi ‘a matina e ti menti lu ‘mbastu

mentri io mangiu ‘mbivu e ma spassu

No’ fazzu nenti pi’ tutta ‘a jurnata

e mi arriva sempi ‘a muzzicata

Staiu ‘ngrassandu ogni jornu

mentri ‘a tia ti nisciu già ‘nu cornu

Lavuri e ti carricchi  di sacchi giganti

mentri io mi’ndì futtu i tutti quanti!”

‘U ciucciu cu’ pocu rispiru e cu’ ‘mbastu abbrazzatu

‘ncì dici “ Ma mi parica no’ si ‘u stessu i l’annu passatu”.

Un asino e un maiale

Un asino e un maiale di un massaio

vivevano  da mesi in un pagliaio

Un giorno il maiale affacciandosi dal porcaio

vede un asino  scorticato dai peli

era carico a più non posso

aveva due sacchi fino al collo

Così ogni giorno il massaio partendo

tornava con questo asino che stava svenendo

Il maiale da lontano mangiando e grugnando

lo vede distrutto e lo incomincia a chiamare

” Oh asino stupido ti ammazzi che fai

cosi a pochi giorni morirai

Ti alzi la mattina e ti metti il basto

mentre io mangio bevo e me la spasso

Non faccio niente per tutta la giornata

e mi arriva sempre da mangiare

Ingrasso ogni giorno di più

mentre a te ti è uscito già un corno

Lavori sempre  e ti caricano di sacchi enormi

mentre io me ne frego di tutti quanti !”

L’asino con poco respiro e con il basto abbracciato

gli dice “ Ma mi sembra che non sei lo stesso dell’anno scorso”.

Una poesia ironica che racconta di un dialogo tra un asino ed un maiale. Anche se il maiale fà la bella vita e si riposa l’asino alla fine ha la
meglio. Nella vita chi gode ha già il suo premio, chi fà sacrifici nel lavoro e nel vivere alla fine raccoglie i suoi frutti a dispetto di tutti quelli che si vantano e per i furbi che mangiano a spese degli altri.