Imperia, in consiglio adottate due importanti deliberazioni inerenti all’Edilizia

Il Consiglio Comunale ha proceduto all’approvazione di due importanti Deliberazioni inerenti all’Edilizia Convenzionata. Il primo provvedimento, adottato all’unanimità dei voti, riguarda il piano particolareggiato di parte della zona di espansione edilizia in località Caramagna con progetto che prevede la  realizzazione di tre edifici a destinazione residenziale, opera che renderà disponibili, complessivamente, una trentina di alloggi. “Si tratta di un grosso risultato ottenuto dall’Amministrazione Strescino nella applicazione della L.R. 03-12-2007 n° 38, che impone la cessione di una quota di superficie (10 %) da destinare all’Edilizia Residenziale Pubblica – dice l’Assessore all’Urbanistica Nicola Falciola che ha seguito personalmente con grande attenzione la pratica. Il piano contempla la realizzazione di tre palazzine per complessivi 30 alloggi. Due palazzine saranno a libero mercato, essendo una zona di espansione residenziale. Nell’ambito della discussione con la Cooperativa Universal, attuatrice della realizzazione – continua Falciola – l’Amministrazione ha ottenuto l’importante risultato di realizzare in questa zona anche una palazzina a tre piani con complessivi 12 appartamenti di varia dimensione, di cui 9 di Edilizia Convenzionata a prezzo concordato di € 2950/mq, mentre i tre rimanenti saranno di proprietà del Comune di Imperia con la qualifica di Edilizia Residenziale Pubblica. Il Comune, con apposita convenzione, stabilirà i criteri di assegnazione in locazione ai cittadini imperiesi tenendo in dovuta considerazione le fasce meno abbienti”. Da tenere, inoltre presente che i soggetti che realizzano il presente strumento attuativo si faranno carico di realizzare importanti opere pubbliche  da cedere al Comune. Di rilievo anche i riflessi sul piano viario con realizzazione della strada di connessione tra via G. Airenti  e la nuova viabilità di scorrimento in corso di realizzazione lungo la sponda del Rio Caramagna comprensiva della pavimentazione della sede stradale e dei marciapiedi laterali, nonché della relativa dell’illuminazione. Naturalmente verrà realizzata anche la fognatura pubblica e rete idrica, saranno previsti spazi di sosta e parcheggi e Verde pubblico attrezzato la cui manutenzione spetterà alla Cooperativa o ai Condomini subentranti. Su questo aspetto sarà vigile l’Amministrazione Comunale per la verifica di un’accurata applicazione. Inoltre, per ottemperare alla verifica idraulica richiesta dalla Provincia saranno realizzate Opere in Cemento Armato per la sistemazione dell’arginatura in sponda idrografica sinistra del Torrente Caramagna per un tratto di circa 100 mt, oltre alla sistemazione dell’alveo e dell’arginatura del Rio affluente. Il secondo provvedimento adottato è invece, relativo all’Edilizia Economica e Popolare in loc. Caramagna – Colombera indicata con la sigla “Ceep 1B” del vigente Piano Regolatore Generale. Nello specifico si tratta di un piano di Edilizia Convenzionata che era già stato approvato e che è stato riproposto all’attenzione del Consiglio Comunale per approvare le modifiche effettuate a seguito delle osservazioni della Provincia. Nel progetto di adeguamento sono stati leggermente modificati i prospetti delle palazzine, è stata eliminata la viabilità troppo invasiva per il territorio ed è stata approvata una variante al Prg per suddividere la zona in 3 lotti edificabili sempre destinata all’edilizia pubblica. In sostanza sono previsti n° 36 alloggi di edilizia convenzionata (prima casa) , la realizzazione di un parcheggio pubblico con illuminazione. Il prezzo di cessione, in questo caso, trattandosi di Edilizia Primaria, è stato concordato in € 2751 a mq. Complessivamente saranno quindi disponibili 48 alloggi di Edilizia Primaria. “Così come da programma, l’Amministrazione ha completato il lavoro iniziato nella scorsa Legislatura – dichiara il Sindaco Strescino. Queste pratiche, giunte a buon fine, testimoniano la grande attenzione in ambito sociale, con particolare riguardo alle classi meno abbienti e alle giovani coppie”.