Francesca, cresce l’attesa e la commozione per l’ultimo saluto

Mancano poche ore per l’ultimo abbraccio di Gioia Tauro a Francesca Agresta, la ventiquattrenne la cui vita è stata spezzata da un padre che non l’hai mai voluta riconoscere e che ha anche deciso di accoltellarla, coltellate mortali che però non hanno ucciso lo spirito di Francesca. Tanta rabbia, tanta commozione. Da sabato mattina a Gioia Tauro, nella piana reggina ma anche in tutta Italia e nel Mondo dove ci sono reggini, non si parla d’altro. I media hanno sbattuto tutti in copertina il nuovo “mostro”, quel Giovanni Ruggiero che da padre ad 83 anni ha deciso di uccidere, di macchiare a vita la sua esistenza e la sua coscienza. Un attimo di lucida follia o come dicono gli inquirenti un omicidio premeditato tanto da considerare Ruggiero “socialmente pericoloso”? Poco importa, almeno oggi. Gioia Tauro è in lutto, un lutto cittadino. Alle ore 15:00 il feretro di Francesca giungerà nella Città del Porto e sarà allestita la camera ardente, poi alle ore 17:00 i funerali in Duomo. Una cerimonia che sarà seguita certamente da oltre mille persone. In molti si accalcheranno fuori dalla chiesa. In molti gremiranno i dintorni. Gioia Tauro ha voglia di partecipare, di condannare. Ma soprattutto ha bisogno di perdonare, di riconciliarsi. Perché questo fatti in Calabria non si dimenticano facilmente e dividono le famiglie, spaccano i “Paesi”. E allora nella fede c’è bisogno di ritrovare il coraggio del perdono, della riconciliazione. E’ difficile a dirsi, è quasi impossibile a farsi. Eppure è questo che certamente vorrebbe Francesca. Il perdono per quell’uomo che l’ha uccisa, proprio lui che avrebbe dovuto amarla come una figlia…

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin