Agorà, la misura è colma c’è molta indignazione!

Si è svolta sabato sera al porto di Vibo Valentia, nella piazzetta nuova, la quinta edizione di Agorà, manifestazione di sport, spettacolo e salute, ideata ed organizzata dal Centro Studi Kinefit in collaborazione con l’Energy Club Vibo Marina e sotto l’egida di Alleanza Sportiva Italiana e della Società di Ginnastica Medica. Un evento, anche se in tono ridotto rispetto a quello di un anno fa per la mancanza di collaborazione da parte dell’amministrazione comunale, che ha visto grande partecipazione ed entusiasmo. Rispetto ad un anno fa la manifestazione ha visto venire meno la Corribimbo e il Talk sulla Salute. Tommaso Cesareo, presidente del Centro Studi Kinefit, ha aperto lo spettacolo con rammarico e indignazione ma con altrettante precise e dure parole di denuncia verso uno stato di abbandono e di assenza delle istituzioni per aver dovuto registrare, per l’ennesimo anno consecutivo, noncuranza da parte degli enti ed in primis da parte dell’amministrazione comunale. “Non abbiamo avuto alcuna risposta né per la richiesta per il palco, per la corrente elettrica – accusa Cesareo – ma neanche per la pulizia della piazza. Come un anno fa, ma con un aggravante: non riuscivano a trovare neanche la domanda nei meandri degli uffici preposti! (Domanda che il prof. Cesareo ha mostrato al pubblico presente con tanto di protocollo apposto 11 giorni prima)”. Cesareo ricorda come un anno fa, la stessa situazione l’ha vissuta in occasione dell’organizzazione del 54° congresso Nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica, medicina fisica, scienze motorie e riabilitative, di cui è facente parte del Consiglio Nazionale e rappresentante in Calabria, al 501 di Vibo Valentia, con oltre 90 relatori provenienti da 35 città Italiane e tre Università patrocinanti.  “Ma allora gli “amministratori”, che vantaggio portano alla nostra comunità? Non è indice di “pochezza” il diventare servizievoli e amichevoli solo e soltanto in occasioni elettorali?”, si domanda Cesareo. Agorà è nata diversi anni orsono con il bisogno di portare in piazza quindi di esportare l’idea di motricità concepita dal direttore del Csk prof. Tommaso Cesareo e dal suo staff in toto, rimarcandone in primis la componente educativa, come assetto culturale a vantaggio della salute. Ciò al fine di consegnare valenza in termini preventivi per quella che viene definita “salute olistica”, ossia della persona nella sua globalità inscindibile e non “spezzettabile”, creando l’importante viatico per una coscienza motoria ed una dimensione socio-relazionale al tempo stesso. In ottica di messaggi seri e condivisi, ecco la bella sinergia creata (per il secondo anno consecutivo) con la Fondazione Federica Monteleone Onlus, sottolineando, da parte della  presidente Mary Sorrentino (mamma di Federica) l’univocità degli intenti con la manifestazione Agorà, in cui lo spettacolo diventa Humus su cui offrire messaggi e spunti di riflessione sulla motricità, sulla prevenzione, sulla salute, pilastri di una comunità a cui piacerebbe vivere in un contesto più “civile”, viste peraltro le molteplici e consistenti potenzialità. Agorà è anche questo, cosi come nell’antica Grecia in essa si discuteva dei “fatti della Polis” in pubblico, anche i numerosi spettatori hanno potuto registrare quello di cui si rendiconta. “Un ringraziamento particolare va a Gregorio Sarlo, alla PieroMuscari Comunicazione e a Michele La Rocca presidente del Comitato Provinciale Asi. Un particolare plauso da parte del sottoscritto al Team ed ai tanti amici collaboratori del Centro Studi Kinefit, dell’ASD Kinefit e dell’Associazione Energy Club: Rosalba D’Agostino ( presidente a.s.d. Energy Club ), Nadia Maltese, Ivan La Gamba, Giusy Scrivo, Antonio Alessandria, Ennio Ceravolo, Felicetta Currao, Valerio Russo, Rita Voci”.