Tripoli, l’obiettivo è uccidere Gheddafi

Fonti della Nato, citate dalla tv americana Cnn, hanno confermato nella notte il legittimo sospetto che Muammar Gheddafi è un obiettivo delle forze alleate che bombardano incessantemente la Libia. E dunque può essere ucciso. I funzionari che hanno parlato con l’emittente satellitare hanno spiegato che l’eventuale eliminazione del colonnello è autorizzata dalla risoluzione 1973 dell’Onu. Nel documento approvato dalle Nazioni Unite si parla dell’adozione di tutte le misure necessarie per proteggere la popolazione libica dal regime. E tra queste – secondo un’interpretazione estesa – ci può stare anche l’uccisione del raìs. Le indiscrezioni rilanciate dalla Cnn non sono altro che una conferma di quello che avviene sul campo. La Nato, sin dai primi giorni della campagna aerea, ha sferrato molti attacchi su Tripoli e in particolare sulla caserma-bunker di Bab Al Azizya, la famosa residenza di Gheddafi. Un crescendo di attacchi. Prima missili da crociera, poi raffiche di bombe capaci di “bucare” i molti rifugi che il raìs si è fatto costruire. Incursioni condotte inizialmente nel cuore della notte, in seguito anche con la luce del giorno. Ai ripetuti raid, il colonnello ha reagito con discorsi di sfida.

9 su 10 da parte di 34 recensori Tripoli, l’obiettivo è uccidere Gheddafi Tripoli, l’obiettivo è uccidere Gheddafi ultima modifica: 2011-06-10T07:28:16+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0