Laprimapagina.it 16 dicembre 2010

Ladispoli, Provincia inaugura nuovo parcheggio

16 dicembre 2010 E’ stato inaugurato questa mattina dall’assessore alla Mobilità e Trasporti della Provincia di Roma Amalia Colaceci il nuovo parcheggio in via Settevene-Palo in prossimità della stazione ferroviaria di Ladispoli. La nuova opera è stata finanziata dalla Provincia di Roma con 945 mila euro e ulteriori 400 mila euro per la realizzazione della rotatoria di ingresso. “Si tratta di un opera fondamentale per il territorio – spiega Colaceci – che permetterà la riqualificazione dell’intera area e il decongestionamento della viabilità. Un parcheggio fortemente voluto dai cittadini che aiuterà e incentiverà anche l’utilizzo dei mezzi pubblici”. Il nuovo parcheggio si estende su di un area di 11mila mq per un totale di 227 posti auto (di cui 5 dedicati ai disabili), 11 posti moto e 10 stalli per le biciclette. E’ stata inoltre realizzata un’area dedicata all’attestazione delle linee Cotral che permette lo stazionamento di 5 autobus. Tutta l’area del parcheggio è illuminata con tre alte torri faro, mentre la zona delle rotatoria è illuminata con un proprio impianto. E’ stata realizzata una zona a verde, dotata di impianto di innaffiamento automatico e completano l’opera elementi di arredo urbano.

Vibo Valentia, progetti sviluppo locale

16 dicembre2010 È stata definita l’unica possibilità concreta di fruire a livello locale dei fondi europei, eppure la risposta dei sindaci vibonesi è stata sotto le aspettative. Soltanto 23 amministratori su 50, infatti, hanno partecipato oggi alla riunione convocata dalla Provincia per l’avvio della fase concertativa che dovrà condurre alla presentazione dei Progetti integrati di sviluppo locale (Pisl), a valere sul Por Calabria 2007-2013. Complessivamente, al territorio vibonese sono stati destinati 52 milioni di euro per la realizzazione di interventi che spaziano dalla mobilità alla valorizzazione dei centri storici, dallo sviluppo dei sistemi turistici locali a quello dei distretti agroalimentari e rurali. Risorse preziose, soprattutto in un momento storico che vede le pubbliche amministrazioni in grandi difficoltà finanziarie e con poche chance d’investimento. Obiettivo principale della riunione, convocata dal presidente della Provincia di Vibo Valentia Francesco De Nisi e dall’assessore alle Attività produttive Paolo Barbieri, è stata la costituzione dei due Tavoli provinciali di partenariato (uno istituzionale formato da soggetti pubblici e l’altro socio-economico in rappresentanza delle categorie produttive), che dovranno coordinare la redazione e la presentazione dei Pisl. “Apprezzo molto la sensibilità istituzionale di chi è qui oggi – ha affermato De Nisi in apertura dei lavori -. Spesso molti amministratori pubblici invocano a gran voce la concertazione, ma poi alla prova dei fatti disertano appuntamenti cruciali per la programmazione dello sviluppo del territorio. Bisogna comprendere che l’opportunità offerta dai Pisl non può essere sprecata. La Provincia farà la sua parte, ma è necessario che tutti mostrino più attenzione a questi temi”. Concetti ribaditi da Barbieri, che ha rimarcato come i Progetti integrati di sviluppo locale rappresentino l’unica possibilità di accedere ai fondi Por. “Occorre far bene e subito – ha affermato l’assessore provinciale -. Gli avvisi regionali saranno emanati entro marzo 2011 e la selezione dei progetti esecutivi avverrà entro maggio, per accedere poi ai finanziamenti a luglio”. Ruolo fondamentale di coordinamento e stimolo alla progettazione integrata lo avranno i Tavoli di partenariato, le cui competenze sono definite nella delibera regionale di riferimento, la 163 del 27 febbraio 2008, che richiama il protocollo d’intesa siglato a suo tempo tra Regione, Province, Anci e Uncem. In particolare, il Tavolo istituzionale sarà formato da Provincia (presidente e assessore alla Programmazione territoriale), Comunità montane e Comuni (una sola rappresentanza per ognuna delle macroaree territoriali previste nel Piano territoriale di coordinamento provinciale); il Tavolo socio-economico, invece, sarà formato dai rappresentanti provinciali delle associazioni di categoria (commercio, industria e artigianato), degli ordini professionali e dei sindacati. Prevista, inoltre, una componete tecnica, decisa dalla Regione, che avrà il compito di supportare l’attività dei tavoli. Prima della conclusione dei lavori, a rimarcare l’importanza dei Pisl e di un’azione sinergica che conduca alla loro presentazione, è stato l’assessore comunale di Vibo Valentia Nicola Manfrida, che ha confermato la piena sintonia tra Provincia e Comune: “Il ruolino di marcia non consente ritardi e dobbiamo stare attenti a non perdere l’occasione di sfruttare al meglio questa opportunità di finanziamento in un momento di bilanci così asfittici”. Al termine della riunione, per consentire ai vari soggetti che devono far parte dei Tavoli di partenariato di individuare e comunicare alla Provincia i propri rappresentanti, è stato deciso un nuovo incontro che si terrà entro la prossima settimana.

Gioia Tauro, cassonetti raccolta indumenti usati

16 dicembre 2010 A conclusione dell’iter burocratico e degli accordi intrapresi tra l’assessore all’ambiente del Comune di Gioia Tauro Domenico Savastano ed il Responsabile Regionale dell’Associazione Nazionale Privi della Vista, sono stati posizionati in città 20 cassonetti per la raccolta degli indumenti usati. Sarà la stessa Associazione, che ha eseguito l’installazione, a curarne lo svuotamento e la manutenzione, senza addebitare alcun costo al Comune di Gioia Tauro. I cassonetti, di colore giallo/beige, sono stati posizionati in vari punti strategici della città, (previa autorizzazione del Comando della Polizia Municipale), hanno una particolare apertura per il conferimento dei materiali per evitare il recupero da parte di terzi ed impedire che lo stesso materiale venga danneggiato da particolari avverse condizioni atmosferiche. I ricavi prodotti dal recupero delle materie prime sono a totale beneficio dell’Associazione onlus. Per l’assessore Savastano i vantaggi per la città del Reggino deriveranno dalla possibilità di recuperare circa 2 kg per abitante di materiale tessile (indumenti, biancheria, scarpe, accessori), togliendoli allo smaltimento finale costituito dalla discarica o inceneritore. I rifiuti di materiale tessile incidono per almeno l’1% dei rifiuti prodotti in città pari a circa 40 tonnellate ed il loro recupero sarà un altro piccolo passo in avanti verso la raccolta differenziata. Per il sindaco Renato Bellofiore il vantaggio del cassonetto, di regola distribuito uniformemente sul territorio, è che si ha la possibilità d’immettervi merce ogni qualvolta se ne ha la necessità, senza aspettare il periodo primaverile od autunnale per donare gli indumenti usati. Inoltre grazie a questa raccolta differenziata vi otterrà una maggiore salvaguardia ambientale in quanto si verrà sottratto all’inceneritore una grande quantità di rifiuti, trasformandoli in risorse; ed ancora si contribuirà alla riduzione dei costi della raccolta dei rifiuti solidi urbani. Servizio giornalistico a cura di Pasquale Patamia.

Cosenza, disco bus no stragi

16 dicembre 2010 Anche quest’anno la Provincia di Cosenza organizza “Disco…bus”, un’iniziativa finalizzata ad incentivare i giovani all’uso dei mezzi di trasporto pubblico e a contrastare il fenomeno delle “stragi del sabato sera”. Rivolto alle discoteche che esercitano la loro attività nel territorio provinciale di Cosenza, il servizio consente il trasporto gratuito per le tratte di andata e ritorno dai locali notturni. Tutti coloro i quali usufruiranno del servizio di trasporto offerto per raggiungere le discoteche aderenti, hanno anche diritto all’applicazione di una riduzione del 50% sul costo del biglietto di ingresso. L’iniziativa sarà presentata nel corso di una conferenza stampa che si terrà domani alle ore 21:00 presso la discoteca “Modhà” di Castrolibero (CS), che è l’unica discoteca ad aver aderito al progetto, dal Presidente della Provincia Mario Oliverio e dall’Assessore Provinciale ai Trasporti Giovanni Forciniti. “L’innalzamento dei livelli di sicurezza per i giovani –hanno affermato, in una nota congiunta, l’Assessore Provinciale ai Trasporti, Giovanni Forciniti e il Presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio- deve essere un obiettivo prioritario delle istituzioni. Occorre contribuire fattivamente e concretamente con iniziative innovative ed aderenti alle esigenze di un mondo giovanile che dimostra di voler partecipare, con forza vitalità ed intelligenza, ai processi evolutivi e di cambiamento della nostra società. Per questo, la Provincia vuole essere con loro, per sostenerne le istanze, per promuovere insieme il ruolo delle istituzioni, per riceverne stimoli ed indicazioni e, soprattutto, per creare condizioni di vita migliori attraverso le quali favorire lo sviluppo delle ingenti risorse e potenzialità giovanili non sempre pienamente espresse”. Servizio giornalistico a cura di Rino Logiacco.

Bari, aiutaci a salvare il mare

16 dicembre 2010 Sarà Alex Bellini il navigatore oceanico che ha attraversato prima l’Atlantico e poi il Pacifico a remi il testimonial del meeting su “Sostenibilità e innovazione nella salvaguardia del mare. Esperienze a confronto” che si terrà domani 17 a partire dalle ore 09:30 presso l’Aula Magna della Facoltà di Economia dell’Università di Bari. Bellini racconterà la sua straordinaria esperienza che lo ha visto da solo a bordo di una canoa per 400 giorni dimostrando come anche le sfide impossibili possono essere realizzate con mezzi “sostenibili” e tecnologie intelligenti alimentate solo da energia eolica e solare. La sua esperienza coniuga la mission del progetto “Aiutaci a Salvare il mare” finanziato dalla Provincia di Bari con fondi POR Puglia FSE 2007-2013, Stato e Regione Puglia, ed attuato dall’Associazione Temporanea di Scopo – Associazione Toto e Lega Navale Italiana Presidenza Nazionale, attraverso il quale è stata sperimentata una vincente sinergia tra istituzioni, mondo accademico, imprese e appassionati di mare uniti per un comune obiettivo. Nel convegno saranno presenti le aziende della Provincia di Bari che si sono distinte nel campo del diporto sostenibile e sono riuscite a conquistare fette del mercato globale, tra queste: Energenia Sas di Conversano, che ha progettato i pannelli solari per la barca del navigatore solitario Giovanni Soldini; la Fluidotecnica Sanseverino di Bari, che ha brevettato un sistema per separare acqua da petrolio prezioso nelle bonifiche ambientali; il Paper8 la prima barca pieghevole dell’imprenditore barese Marco Oliveto; la “Levantina” una filante e velocissima deriva nata da un progetto del Politecnico di Bari. Sarà presente anche la Ingemar Srl, società specializzata nella costruzione di “porti verdi” a basso impatto ambientale. Diverse le presenze istituzionali, Francesco Mariani presidente dell’Autorità Portuale di Bari parlerà del sistema portuale pugliese e della tutela dell’ambiente, ma sono previsti anche gli interventi di Vittorio Dell’Atti Preside Facoltà di Economia Commercio Bari, Francesco Schittulli Presidente Provincia di Bari, Mary Rina, Assessore alla formazione Professionale della Provincia di Bari, Marco Barchetti Assessore all’Ambiente della Provincia di Bari, Domenico Pagazzo Delegato Regionale Puglia Nord della Lega Navale Italiana. Le conclusioni saranno tracciate da Paolo Macchiarulo Associazione Toto, sull’esperienza del progetto. Modera Nicolò Carnimeo docente di Diritto della Navigazione all’Università di Bari. Servizio giornalistico a cura di Pasquale Patamia.

Torino, commemorazione strage a Porta Susa

16 dicembre 2010 Tra il 18 e il 22 dicembre di ottantotto anni fa si è consumato l’eccidio, ricordato come la Strage di Torino, che lascerà il segno nella memoria dei torinesi: i fascisti trucidarono 11 persone, in un periodo di turbolenza sindacale. Domani alle ore 12:00 in piazza XVIII Dicembre (Porta Susa) i martiri della Camera del Lavoro saranno commemorati dalla Città vicino alla lapide che li ricorda. Sarà presente il sindaco Sergio Chiamparino insieme alle altre autorità cittadine.

Cosenza, slow wine storie di vita

16 dicembre 2010 Domani 17 alle ore 17:00 nella Sala degli Stemmi della Provincia di Cosenza sarà presentato la Guida “Slow Wine- Storie di vita, vigne, vini in Italia 2011”. Si chiama “Slow Wine Storie di vita, vigne, vini in Italia 2011” la Guida ai vini realizzata da Slow Food, associazione e movimento culturale che ha come scopo primario la riscoperta del piacere eno-gastronomico attraverso la cultura materiale. Con 2000 cantine visitate e più di 20 mila vini assaggiati, l’intento della Guida, innovativa anche da questo punto di vista, è quello di dare giudizi approfonditi e avvicinarsi quanto più possibile alla cultura del vino. “Secondo noi bisogna spostare l’attenzione dal mero bicchiere a tutto ciò che sta dietro, a partire dalle cantine, per avere una valutazione completa, precisa e affidabile. Slow Wine scaturisce da questo nuovo approccio, grazie al quale il vino è diventato veicolo per descrivere il territorio.” E’ con queste parole che Giancarlo Gariglio, curatore della guida insieme a Fabio Giavedoni, ha pronunciato presentandola in anteprima lo scorso 9 Aprile al Salone del Gusto di Torino. Nessun giudizio basato solo su indicatori quantitativi, quindi, ma un libro-guida che racconta storie: storie di vini, vitigni, vigneti ma anche vicende di vita vissuta dai protagonisti delle migliore produzione enologica delle regioni d’Italia. Questa la filosofia con cui gli enologi di Slow Wine hanno inteso intraprendere quest’avventura: andare in giro per l’Italia per scoprire e capire come si produce uno dei prodotti più conosciuti ed apprezzati del nostro Paese. Ciò che sorprende di più, nella lettura del testo, sono le storie che si incontrano quando si viaggia “dentro” le mille esperienze produttive che attraversano l’Italia, dalle regioni alpine alle isole, dalle colline lungo le pendici degli Appennini alle valli dei fiumi. Sono le storie dei lavoratori della vigna e dei maestri produttori del vino. Storie che parlano di passione, appartenenza, identità, legami inscindibili con la propria terra. I caratteri distintivi forse più originali, antichi, fecondi dell’italianità. Quella che verrà presentata, unico appuntamento in Calabria, il prossimo venerdì nella splendida cornice della Sala degli Stemmi della Provincia di Cosenza non può essere considerata una semplice guida enologica. Va identificata, più che altro, come una vera e propria ricerca tesa a identificare le relazioni tra i vitigni italiani e la cultura enologica del territorio. Uno studio, perché è anche possibile definirlo in questi termini, che si sposa perfettamente con la mission di Slow Food e di Terra Madre, ovvero la promozione di un nuovo modello alimentare, rispettoso dell’ambiente, delle tradizioni e delle identità culturali, capace di avvicinare i consumatori al mondo della produzione creando una maggior condivisione di saperi e sapori. La Provincia di Cosenza ha promosso quest’iniziativa non solo perché unica nel suo genere, ma anche perché del tutto coerente con la propria visione e le proprie strategie di valorizzazione del territorio. Molti sono i progetti che vedono l’Amministrazione impegnata in questo ambito: per citarne solo uno, il progetto sulle produzioni di qualità finanziato dal PSR 2007/2013, all’interno del quale si identificano “le strade”, cioè veri e propri itinerari turistici eno-gastronomici capaci di guidare il visitatore alla scoperta della cultura, delle tradizioni e del territorio calabrese. La valorizzazione del territorio è un punto cardine per la Provincia, da sempre consapevole che tradizione ed artigianalità, uniti ai valori del patrimonio culturale locale, al patrimonio locale, conferiscano ai prodotti tipicità, originalità e unicità capaci di contrastare ogni tentativo concorrenziale. “La presentazione della Guida Slow Wine- commenta il Presidente Mario Oliverio-, nella quale verranno presentate le migliori produzioni enologiche dell’intera Calabria, ha per noi una grande importanza non solo per il prestigio di Slow Food e il grande impegno del suo fondatore, Carlo Petrini, ma perché sentiamo che la visione dello sviluppo locale sottesa all’analisi delle esperienze produttive nel settore enologico appartiene anche a noi. Bisogna partire dal territorio dalla valorizzazione delle sue produzioni per poter costruire un futuro più consapevole. Questo è il messaggio che vogliamo dare oggi: le tradizioni e le produzioni sono la nostra storia, la nostra cultura, la nostra storia”. L’appuntamento con la presentazione di Slow Wine è fissato, domani alle ore 17:00. Seguirà la degustazione dei vini calabresi presenti in Guida, prodotti dalle 19 aziende censite: da Saracena a Melito Porto Salvo, dal Savuto al Cirò passando per Lamezia Terme, Bianco e la Valle del Crati. A Cosenza saranno presenti il curatore nazionale della guida Giancarlo Gariglio insieme Luciano Pignataro de Il Mattino di Napoli che è responsabile per la Calabria. Insieme a loro anche Giovanni Gagliardi che per Slow Wine è stato l’inviato calabrese sul campo e i vertici di Slow Food, Marisa Gigliotti, presidente regionale e Raffaele Riga della condotta di Cosenza. L’introduzione spetterà all’assessore Pietro Lecce, le conclusioni al Presidente Mario Oliverio.

Vibo Valentia, seminario essere in Europa

16 dicembre 2010 Appuntamento domani con il seminario di Informazione e Formazione sul Programma Europeo “L’Europa per i cittadini 2007-2013”, che si svolgerà a partire dalle 10.30, presso il Complesso Conventuale “Valentianum” di Vibo Valentia, organizzato dall’Assessorato alle Politiche comunitarie guidato da Nicolino La Gamba, con il supporto di Pasquale Luzzo (staff del Sindaco) ed in collaborazione con l’assessorato alla Cultura assessore Marcello De Vita. “Il seminario- ha spiegato l’Assessore La Gamba- rientra in una serie di azioni poste in essere dal Comune di Vibo Valentia, con il duplice scopo di incrementare la Cultura Europea dei cittadini, che non devono più guardare alla Comunità europea come realtà distante e, contemporaneamente, fornire le conoscenze necessarie per permettere, anche agli amministratori pubblici di intercettare nuovi fondi da destinare allo sviluppo sociale e territoriale. Un ringraziamento- ha proseguito- all’Assessore alla cultura Marcello De Vita, con il quale abbiamo lavorato al fine di coinvolgere anche le scuole , sensibilizzando i giovani che per noi rappresentano ciò che l’Amministrazione D’Agostino, considera parte integrante e attiva di quella realtà che si vuole definire Europea”. “Nel corso dell’incontro di venerdì- ha specificato Pasquale Luzzo, esperto di programmazione comunitaria e sviluppo locale- si alterneranno figure di altissimo livello professionale e culturale da Domenico Primerano (Segretario generale della Provincia di Catanzaro e Project manager dell’Antenna Europe Direct), ad Emilio Verrengia (Segretario generale aggiunto AICCRE), a Marijke Vanbiervliet (Responsabile dei Gemellaggi AICCRE),che parleranno dell’Europa e dell’importanza dei gemellaggi europei, ancora poco conosciuti. E’ importante- ha proseguito- ricordare che il seminario, organizzato in collaborazione con l’AICCRE (Associazione italiana comuni e regioni europee) e con L’Antenna Europe Direct, della Provincia di Catanzaro, è uno dei rari eventi organizzati nella Provincia di Vibo Valentia, in cui si discute di Europa e delle opportunità di sviluppo che la stessa può offrire. Ciò dimostra l’approccio culturale e l’apertura all’Europa da parte dell’intera amministrazione comunale”.

Vibo Valentia, in arrivo contributi affitto

16 dicembre 2010 Dopo l’incontro con l’ingegnere Antonio Capristo, responsabile della Regione Calabria, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Vibo Valentia Salvatore Bulzomì, rassicura i cittadini in riferimento all’erogazione dei contributo per gli affitti. “Non ci siamo dimenticati, ne sottovalutiamo la situazione che vede molte famiglie nella necessità di ricevere la somma di cui hanno diritto. L’Assessorato da me diretto, in sinergia con l’Assessorato alle Lavoro e Politiche Sociale della Regione Calabria, nella figura di Francescantonio Stillitani, si sta muovendo per risolvere, nel minor tempo possibile, il problema. Dopo il mio ultimo incontro, avvenuto presso gli uffici centrali della Regione Calabria, mi è stato garantito che entro febbraio 2011 la Regione Calabria verserà nelle casse del Comune di Vibo Valentia la somma, relativa al pagamento degli affitti, che sarà successivamente erogata agli aventi diritto del Comune di Vibo Valentia. Preciso che, entro la fine di Febbraio 2011, sarà erogato il 20% dell’intera somma spettante ai singoli aventi diritto”.

Venezia, la Presidente sulla torre con gli operai

15 dicembre 2010 La presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto è salita sulla torre della Vinyls a Porto Marghera assieme agli operai che la presidiano per difendere il posto di lavoro. Lo stabilimento chimico rischia infatti la chiusura. All’interno dell’area dello stabilimento, in parte occupato dagli impianti dell’Enichem, in parte da quelli della Vynils, la presidente è stata accompagnata dal responsabile dello stabilimento Enichem Marco Riva e dal responsabile del personale Renato Colurcio. Presenti, oltre ad una folta rappresentanza di operai e tecnici, l’assessore al Lavoro Paolino D’Anna, e i rappresentanti sindacali Riccardo Colletti Cgil, Maurizio Don, Uil, Massimo Meneghetti della Cisl e Roberto Montagner segretario Camera del Lavoro. Sulla torre, 160 m di altezza 380 gradini, la presidente (che soffre di vertigini) con casco e tuta blu, ha incontrato gli otto operai, tra i quali una donna, Nicoletta, che hanno trascorso la scorsa notte sulla torre, sfidando il freddo e la gravità. La presidente Francesca Zaccariotto: “Ho deciso di incontrare gli operai per esprimere loro tutta la mia vicinanza e solidarietà, in questo momento di estrema difficoltà dell’impresa. Ho creduto che non bastasse la classica stretta di mano, ma fosse necessario dare un segnale forte, tanto forte e coraggioso quanto è stata la loro scelta di ritornare sulla torre per difendere il loro lavoro, e un sito industriale che è un pezzo della loro vicenda personale e della chimica di Porto Marghera. La loro battaglia è legittima, a loro va la mia stima. Ho chiamato il presidente della commissione regionale del lavoro Luca Baggio e il governatore Luca Zaia, che ha parlato con Nicoletta, e condiviso la difficoltà del momento. E’ stato un momento di grande impatto emotivo. Mi auguro che il Governo a cui è stata rinnovata la fiducia faccia un regalo di Natale a questi lavoratori, e fissi al più presto il tavolo nazionale della crisi. Questo è il nostro primo obiettivo è farò quanto posso per aiutare i lavoratori, e per affrontare il problema in modo strategico, concertato e condiviso con le istituzioni locali e centrali, con i sindacati e le imprese. Come Provincia stiamo mettendo in cantiere, così come nel recente passato, alcune iniziative per poter accogliere all’interno dei progetti già approvati altri lavoratori disoccupati. E stiamo seguendo da vicino con trepidazione tutte le trattative relative al bando internazionale dell’Eni, che ha ribadito la disponibilità a cedere gli impianti ad eventuali acquirenti interessati, e con l’assessore D’Anna stiamo partecipando a tutti gli incontri al ministero. L’obiettivo deve essere la valorizzazione e il rilancio dell’occupazione, in quest’area industriale importante per il territorio e oggi sottoposta ad una crisi drammatica e complessa, valorizzando dove possibile ciò che c’è già. Ci stiamo avvicinando alle feste di Natale ed il mio pensiero è rivolto alle famiglie di questi lavoratori alle quali fin d’ora dico che non molleremo e che la nostra battaglia proseguirà al loro fianco”.

Torino, dispositivi per non vedenti

15 dicembre 2010 La giunta comunale di Torino ha avviato un progetto definitivo che prevede interventi di manutenzione dei semafori di piazza Carducci, con l’inserimento dei dispositivi sonori necessari ad adeguarli alle esigenze delle persone non vedenti. Il nuovo percorso pedonale attrezzato collegherà la stazione della metropolitana di piazza Carducci con le fermate delle linee di trasporto pubblico e con l’ospedale Molinette: i disabili visivi che potranno quindi raggiungere più facilmente ed in sicurezza tram, bus e la metro, e tra questi anche quelli che lavorano presso l’ospedale. La spesa prevista per l’adeguamento dei semafori è di circa 100 mila euro.

Como, bando anti crisi 2010

15 dicembre 2010 Sono complessivamente 17 le domande per il nuovo bando anti crisi predisposto dal Comune di Como, Settore Servizi Sociali, relative alla Borse Lavoro e ai Contributi a fondo perduto, che sono state presentate finora. Nel dettaglio si tratta di 7 richieste per il bando relativo alle “Borse lavoro” e 10 per i “Contributi a fondo perduto”. Ricordiamo che le domande, che possono essere scaricate dal sito internet del Comune di Como www.comune.como.it, oppure ritirate negli uffici dei Servizi Sociali (in via Italia Libera), all’Urp (Palazzo Cernezzi) e nelle sedi delle Circoscrizioni, dovranno essere consegnate solo negli uffici dei Servizi Sociali entro giovedì 23 dicembre 2010.

Messina, Comuni e Regione a confronto

15 dicembre 2010 I sindaci dei 108 comuni della provincia di Messina hanno incontrato a palazzo Zanca, l’assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica della Sicilia Caterina Chinnici. La visita rientra nel programma di appuntamenti che l’assessore Chinnici ha previsto con i sindaci dei 390 comuni siciliani. A portare il saluto dell’amministrazione comunale e ad introdurre la riunione è stato l’assessore alle politiche finanziarie di Messina Orazio Miloro, che ha sottolineato il ruolo delle autonomie locali e il particolare momento finanziario, che attraversano tutte le amministrazioni pubbliche. “State tranquilli – ha esordito l’assessore Chinnici, nel suo intervento – perché sono l’assessore per le Autonomie locali e non contro, quindi in me troverete sempre uno strenuo difensore dei Comuni, sia all’interno della giunta di governo che dell’assemblea regionale siciliana. Fare il sindaco non è cosa da poco, ma è un impegno enorme. E se lo fate è perché ci credete e volete fare qualcosa per contribuire allo sviluppo dei vostri territori. I Comuni rappresentano il vero front office della pubblica amministrazione nei confronti dei cittadini e per questo motivo sono qui per ascoltare dai voi, diretti protagonisti, le esigenze dei vostri territori e raccogliere tutti quei suggerimenti utili per avviare un lavoro sinergico che ha come obiettivo fondamentale quello di fare del bene per questa nostra terra e per le future generazioni”. Dopo i confronti nelle province di Enna, Caltanissetta, Palermo, Agrigento, Ragusa, Siracusa e Trapani, è stata oggi la volta di Messina e quindi a Catania, con l’obiettivo di avviare un percorso di collaborazione sinergica tra Regione e autonomie locali, alla luce dell’approssimarsi all’Assemblea regionale siciliana, dell’approvazione della legge di stabilità, e, per sentire dagli amministratori locali, proposte per l’individuazione di azioni, misure e strumenti che, anche con il supporto della Regione, possano consentire agli enti locali l’avvio di percorsi virtuosi tendenti concretamente ad un riequilibrio economico finanziario stabile.

Napoli, due miss per capodanno

15 dicembre 2010 Due ragazze, entrambe della provincia di Napoli, concorrono per aggiudicarsi il titolo di Miss Prima dell’anno, collegato a Miss Italia, che consentirà alla vincitrice di qualificarsi già a Capodanno per le semifinali del concorso di bellezza della patron Patrizia Mirigliani. Si tratta di Sofia Sergio, 18 anni, residente a San Sebastiano al Vesuvio, studentessa iscritta al primo anno di giurisprudenza, alta 1.83, capelli ed occhi castani, taglia 40, insomma tutti i numeri per giungere in alto. Si definisce determinata, solare e semplice, non ha particolari hobby, non è fidanzata e gradisce uscire con le amiche. Sofia fa la modella e partecipa a Miss Italia perché la ritiene una bella esperienza che può offrirle tante opportunità di lavoro. “Non mi aspettavo di arrivare prima e qualificarmi per Roma, è stata veramente una sorpresa la vittoria. Vincere il titolo? Penso di avere personalità e carattere giusto, oltre ad essere una bella ragazza”. L’altra campana qualificata è Nunzia Castravelli, anche lei 18enne, abita a Portici, è alta 1.75, ha capelli biondi ed occhi celesti, taglia 42, segreteria d’azienda, fidanzata, simpatica solare e maliziosa. Un amico mi ha iscritto a mia insaputa e mi ha portato lì, concorso mi aiuta sul lavoro. La tappa si è svolta a Caserta presso Tv Luna, presentata da Erennio De Vita. A Roma 42 ragazze provenienti da ogni parte d’Italia parteciperanno ai casting per diventare la miss Prima dell’anno. La Campania vinse la fascia nel 2007 grazie alla miss di Scampia Rossella Cervone.

Catania, Telethon tra cinema e moda

15 dicembre 2010 Cinema, moda, musica spettacolo, e soprattutto solidarietà. Questi gli ingredienti del Gala “Telethon…tra cinema e moda” di sabato 18 dicembre (ore 20:30) ospitato nello splendido scenario del Teatro Massimo Bellini. A presentare, nella sede della Provincia etnea il ricco palinsesto della serata, è stato il direttore artistico dell’evento Agata Patrizia Saccone, alla presenza del magnifico rettore dell’Università di Catania Antonino Recca, dell’assessore provinciale alle Politiche del Lavoro e Formazione Francesco Ciancitto, del capoarea Bnl gruppo Bnp Paribas e Telethon Paolo Mari, dello sceneggiatore Sergio Zagami e del presidente Uildm (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare) – sezione Catania – Andrea Lombardo. “Anche quest’anno abbiamo voluto sostenere l’iniziativa – ha sottolineato il magnifico rettore dell’Università di Catania Antonino Recca – ribadendo l’impegno costante dell’Università per il sociale e per battaglie importanti come quella portata avanti da Telethon”. A conferma arrivano anche i dati, resi noti dal dott. Mari: “Nel 2009, tramite Bnl, sono stati raccolti 13 milioni di euro e in diciotto anni 198 milioni che hanno permesso la realizzazione di 4mila progetti a favore della ricerca. Catania, nell’area del Sud Italia, rientra tra le prime città a sostenere l’iniziativa”. “La nostra provincia è tra le prime tre in Italia per l’impegno nella raccolta fondi contro la distrofia muscolare e le malattie genetiche – ha affermato Ciancitto – siamo lieti di patrocinare un evento di tale portata che sono certo riuscirà ad arrivare al cuore dei nostri cittadini, da sempre sensibili a queste tematiche”. Ricco parterre di ospiti per un grande evento curato nei dettagli dalla Production Moda e Spettacoli diretta da Agata Patrizia Saccone, che ha organizzato la serata in sinergia con Bnl gruppo Bnp Paribas e Telethon, con il patrocinio della Provincia, il Comune e l’Università degli Studi di Catania: “Abbiamo affidato la conduzione ad uno dei volti più amati della televisione, Caterina Balivo presentatrice della trasmissione di Rai2 Pomeriggio sul 2 – ha sottolineato la Saccone – rendendo omaggio al mondo del cinema e della moda. Saranno tanti i momenti dello spettacolo organizzato con il fine di raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica e tanti anche gli ospiti: gli attori Rosaria Russo e Antonio Catania (reduce dal successo della fiction di Rai 1 “Ho sposato uno sbirro”); il ballerino cubano José Perez, etoile, nel cast di “Amici” in onda su canale5 di Maria De filippi; l’illusionista dal grande humour Francesco Scimemi, il caporedattore di Vanity Fair Silvia Nucini, che per Mondadori ha appena pubblicato il libro “E’ la vita che sceglie”. Sarà inoltre presente il compositore di fama internazionale Gabriele Denaro con il soprano Aurora Bernava e un Ensemble, per proporre musiche tratte dalle colonne sonore di Morricone. E ancora – conclude Saccone – il quartetto doo wop degli Accappella Swinger per un finale dedicato alle più famose canzoni di Natale. Per la moda ospiteremo la stilista delle dive Luisa Beccaria”. Durante la serata di gala, in concomitanza nazionale con la maratona televisiva nazionale delle reti Rai, sarà proiettato in anteprima assoluta il nuovo corto per Telethon firmato dallo sceneggiatore Sergio Zagami, alla sua terza produzione: “Un giorno alla Plaja” è il titolo del suo ultimo film breve, con la regia ancora affidata ad Alfio D’Agata e Silvana Fallisi attrice protagonista.

Torino, riqualificazione energetica c.so Vercelli

14 dicembre 2010 La Città di Torino, di concerto con Atc, intende effettuare la riqualificazione energetica di alcuni stabili di edilizia residenziale pubblica. Si tratta degli edifici di corso Vercelli 483-487-491. Il progetto definitivo prevede l’installazione di un impianto centralizzato a biomasse solide (che sostituisce le 16 caldaie ora esistenti) per il riscaldamento e la produzione di acqua calda. La scelta permetterà di risparmiare non soltanto nella gestione economica, ma anche in quella manutentiva dell’impianto e in generale nella sua efficienza. La sensibile riduzione dei costi energetici permetterà di fornire calore ai cittadini con costi assai ridotti, eliminando dal bilancio il consumo di 202 mila mc/anno di metano, e di ridurre le emissioni di CO2 di circa 397 t/anno. Il costo dell’impianto è di 1.546.771 euro, che saranno coperti per 464 mila euro da fondi Atc; per il restante milione di euro la Città si è candidata al Bando regionale “Por-Fesr 2007/2013 – asse II sostenibilità e riqualificazione energetica” che ha in dotazione circa 30 milioni di euro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Laprimapagina.it 16 dicembre 2010 Laprimapagina.it 16 dicembre 2010 ultima modifica: 2010-12-16T15:52:00+00:00 da Rino Logiacco
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0