Va avanti l’impegno dei volontari nelle attività di antincendio boschivo

“Aborriamo le falsità e le menzogne, soprattutto quando tendono mistificare la realtà o prevalentemente allo ‘sfascio’, nell’ansimante corsa alla coltivazione del proprio orticello del tanto peggio tanto meglio”. È il commento a caldo del Sottosegretario regionale con delega alla Protezione Civile Mario Mazzocca in relazione ai contenuti di un articolo comparso oggi sulle testate on-line relative al tema specifico dei rimborsi ai volontari di Protezione Civile. “E’ il caso – continua il Sottosegretario – delle dichiarazioni rilasciate da tale Massimo De Maio che, come si apprende dalla stampa, sia stato “recentemente eletto come vicepresidente nazionale” dell’Associazione “Fare Verde”. A dir la verità conoscevamo da tempo un De Maio, ma sotto altra veste, ovvero quale candidato alle ultime elezioni regionali con il Movimento 5 Stelle (sonoramente bocciato) e, successivamente e da tempo, collaboratore contrattualizzato dal Gruppo pentastellato al Consiglio Regionale. Ignoriamo, però, se si tratti della stessa persona”.

“Tutt’altro che afflitti da tale amletico dubbio – incalza Mazzocca -, in ordine al ritardo dei rimborsi alle organizzazioni di volontariato del 2014, va immediatamente precisato che, se ciò non è ancora avvenuto, si deve a problematiche di natura tecnico-contabile di gestione del bilancio corrente e non perché i fondi non ci siano. Problemi che riguardano l’intera questione inerente la materiale erogazione di risorse stanziate e che, dalle ultime notizie desunte dai competenti Uffici Finanziari regionali, dovrebbero essere risolti entro il corrente mese di luglio. Quanto sopra è stato più volte rappresentato ai nostri splendidi volontari, sia a cura della Struttura Regionale di PC che dal sottoscritto in occasione delle innumerevoli occasioni di confronto che settimanalmente svolgo sul territorio. Avevo, inoltre, già cercato di rassicurare il NOVPC di Tagliacozzo in occasione di un ultimo incontro svoltosi in regione la scorsa settimana ed ho per tempo convocato un incontro chiarificatore fissato per domani pomeriggio presso la mia sede alla presenza del Responsabile del Servizio regionale preposto. Sono convinto che le situazioni torneranno presto a normalizzarsi e che i rimborsi dovuti torneranno ad essere liquidati in tempi certi. D’altro canto, è una situazione di immanente criticità, tuttavia meno problematica di quella ereditata nel luglio 2014, allorquando fummo costretti a reperire le risorse occorrenti per colmare le indisponibilità finanziarie relative agli anni 2012 (in parte) e 2013 (in toto)”.

“Non finirò mai di ringraziare – conclude il Sottosegretario – i nostri 7 mila volontari per la qualità e quantità dell’impegno che giornalmente profondono e che, fra le tante attività in corso, hanno prontamente assicurato il proprio impegno a favore del territorio, oltre che il soccorso e l’assistenza alla popolazione sin dalla fine di giugno”.

Sulla questione, inoltre, interviene anche il Responsabile del Servizio Emergenze di PC Silvio Liberatore, che sente il dovere di “precisare alcuni punti che, visti dall’esterno, rendono l’idea falsa di un totale abbandono dei Volontari di Protezione Civile da parte della Regione Abruzzo. Occorre precisare che la NOVPC di Tagliacozzo, così come tutte le altre 53 Organizzazioni convenzionate con la Regione Abruzzo, hanno ricevuto in comodato d’uso temporaneo i mezzi A.I.B dotati di modulo per lo spegnimento corredati di carta carburante che consente di fare rifornimento di gasolio a spese dell’Ente Regione (Sotto questo aspetto, si tranquillizzi pure il vertice di Fare Natura!). È senz’altro è da riconoscere l’impegno da sempre profuso da parte dei volontari di Tagliacozzo e di tutte gli altri sodalizi di volontariato nell’intervenire in occasione delle varie situazioni emergenziali che caratterizzano il ns. territorio: terremoto, alluvioni, incendi, nevicate, ecc.. Ma è pur vero che l’Ente Regione: nel 2004 li ha dotati di un automezzo Mitsubishi Pajero completo di modulo antincendio; a marzo 2016 ha consegnato loro n.6 D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) in aggiunta a quelli consegnati nel 2007 e 2010, completi di giubbe, pantaloni, maglie ignifughe, sottocasco, stivali, guanti, elmetti, maschere anti fumo, ecc.; a giugno 2016, con un contratto di comodato d’uso temporaneo, ha consegnato alla NOVPC un mezzo antincendio ELFO; a giugno 2017 sono stati sostituiti 3 paia di stivali antincendio consegnati nel 2010, risultati obsoleti; a luglio 2017 è stato sostituito il modulo antincendio risultato non utilizzabile con uno in piena efficienza”.

“Colgo, infine l’occasione – conclude Liberatore – di rimarcare come quest’anno, in applicazione della direttiva di legge (D.Lgs n.177) che ha trasferito le competenze relative allo spegnimento degli incendi al corpo dei V.V.F. decretando lo scioglimento del CFS, si è riscontrata una particolare sensibilità al riguardo da parte delle Organizzazioni di Volontariato che, nel rispetto dello spirito di abnegazione, altruismo, gratuità, propensione nel soccorso verso persone e cose, hanno percepito un maggiore responsabilità nel rispondere alle richieste di supporto da parte della Regione; ci sentiamo di ringraziarle pubblicamente a nome di tutti i cittadini abruzzesi, nonostante il ritardo dei rimborsi che per molti risale al 2014”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Va avanti l’impegno dei volontari nelle attività di antincendio boschivo Va avanti l’impegno dei volontari nelle attività di antincendio boschivo ultima modifica: 2017-07-13T01:22:21+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook7Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento