Delegazione francese alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito

Viterbo. Una delegazione formata dal Generale di Brigata Guy ROCHET, Comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito francese, dal Colonnello Jean DE MESMAY e dal Maresciallo Evelyne BUANT, ha visitato nei giorni 13, 14 e 15 giugno 2017 la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo. 

Accolti alla Caserma “Soccorso Saloni” dal Generale di Brigata Gabriele TOSCANI DE COL, Comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, – si legge nel comunicato stampa dell’Istituto di formazione – gli Ufficiali francesi hanno avuto modo di constatare il percorso didattico e addestrativo posto in essere per preparare e aggiornare i futuri Comandanti di plotone dell’Esercito Italiano.

Particolare l’interesse per l’ormai consolidata sinergia fra la Scuola Sottufficiali dell’Esercito e l’Università degli Studi della Tuscia. Il percorso universitario dei giovani Allievi Marescialli dell’Esercito afferenti alla specializzazione “Comando”, finalizzato al conseguimento della laurea in “Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali”, garantisce una formazione solida e aderente al quadro geopolitico attuale, essenziale per tutti coloro i quali, nel prossimo futuro, potrebbero ritrovarsi protagonisti nei principali scenari di crisi internazionali.

Il prestigioso Istituto di formazione militare viterbese ha il compito prioritario di formare sia Marescialli Comandanti di plotone sia Marescialli qualificati Infermieri Professionali. L’iter formativo si sviluppa coniugando la didattica di livello universitario con un’intensa attività ginnico-sportiva unitamente a un impegnativo programma di attività militari, teoriche e pratiche, svolte in sede, in aree e strutture addestrative sul territorio nazionale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Delegazione francese alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito Delegazione francese alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito ultima modifica: 2017-06-19T07:39:19+00:00 da Enrico Casale
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento