Dimitri Fricano inizialmente pareva essere il principale sospettato

E’ stato revocata la disposizione del piantonamento in ospedale nei confronti di Dimitri Fricano, compagno di Erika Preti. Sembrava essere il principale sospettato dell’omicidio. Ma si fa strada l’ipotesi di una rapina finita male…A chiarire di più sarà l’autopsia in programma domani sulla ventenne di Pralungo, uccisa domenica mattina in una bifamiliare a Lu Fraili di San Teodoro.

Dimitri Fricano

Gli inquirenti non escludono alcuna pista

Il pg di Nuoro Andrea Garau, che segue personalmente l’inchiesta, ha tolto il piantonamento a Fricano. E’ davvero innocente? La ragazza è stata uccisa con un coltello del pane. Un rapinatore dall’esterno non avrebbe portato con sé un’arma? Cosa dovevano portare via da un posto così tranquillo come la rinomata località turistica sarda? Perché il biellese dice di non ricordare quanti erano gli aggressori?

Preti e Fricano

Fricano si trova in ospedale a Olbia

Ha numerose ferite d’arma da taglio, è ancora sotto choc, ma avrebbe risposto ad alcune domande degli inquirenti. Avrebbe riferito di aver subito un’aggressione a scopo di rapina mentre era in casa con la ragazza. Ha raccontato di essere stato stordito da una botta alla testa di cui c’è un riscontro medico oggettivo. Ancora non si sa se qualcosa sia stato davvero rubato dalla villetta nella quale i due soggiornavano.

E’ stato l’uomo a uscire, sanguinante, dall’abitazione e chiedere aiuto, dopo che la ragazza era stata uccisa con un coltello da cucina poi ritrovato sul luogo del delitto dai Carabinieri di Nuoro e dal Ris. Gli uomini del reparto scientifico stanno analizzando l’arma, che potrebbe dare agli inquirenti risposte decisive nel risolvere un mistero che si infittisce sempre più. Sono arrivati a Lu Fraili i genitori della giovane vittima.

9 su 10 da parte di 34 recensori Dimitri Fricano inizialmente pareva essere il principale sospettato Dimitri Fricano inizialmente pareva essere il principale sospettato ultima modifica: 2017-06-12T17:21:01+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento