Cinquantennale del 4°, 5° e 6° corso alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito

Viterbo. La caserma “Soccorso Saloni”, sede della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, ha aperto i cancelli, venerdì 9 giugno 2017, agli ex Allievi Sottufficiali del 4°, 5° e 6° Corso per la celebrazione del cinquantennale.

Accolti dal Generale di Brigata Gabriele TOSCANI DE COL, Comandante dell’Istituto, gli ex allievi hanno avuto la possibilità di rivivere, per un giorno, nei luoghi che li hanno visti protagonisti durante la frequenza del corso per diventare Sottufficiali dell’Esercito Italiano.

Dopo la cerimonia dell’Alzabandiera, ha avuto luogo la deposizione di una corona di alloro al monumento dedicato ai Sottufficiali Caduti. A seguire, deferente saluto alla Bandiera d’Istituto, decorata di Medaglia di Bronzo al Valore dell’Esercito e di Medaglia d’Argento al Merito Civile, celebrazione della Santa Messa e visita alla Biblioteca Militare di Presidio, dove è al momento presente una mostra fotografica sulla Grande Guerra, e alle infrastrutture didattico-addestrative della Scuola.

I raduni degli ex allievi, che ciclicamente si tengono presso la Caserma “Soccorso Saloni” di Viterbo, luogo in cui sono stati condivisi esperienze, emozioni e sacrifici, testimoniano l’autenticità dei valori che da sempre hanno animato e guidato questi uomini.

La Scuola Sottufficiali dell’Esercito ha il compito di formare Marescialli Comandanti di plotone e Marescialli qualificati Infermieri Professionali. L’iter formativo si sviluppa coniugando una didattica di livello universitario con un’intensa attività ginnico-sportiva unitamente ad un impegnativo programma di attività militari, teoriche e pratiche, svolte in sede, in aree e strutture addestrative sul territorio nazionale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Cinquantennale del 4°, 5° e 6° corso alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito Cinquantennale del 4°, 5° e 6° corso alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito ultima modifica: 2017-06-12T07:30:22+00:00 da Enrico Casale
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento