La cassetta di pronto soccorso deve essere sempre accessibile

La sicurezza passa da molti aspetti. Anche dalla presenza nei luoghi di lavoro, nelle abitazioni, in auto, in luoghi pubblici, di un elemento essenziale ma a volte sottovalutato come la cassetta di pronto soccorso. Sull’argomento, in particolare per quanto attiene uffici regionali e scuole, si è interrogato in queste ore il consiglio regionale della Valle d’Aosta che ha affrontato il tema su interpellanza dei consiglieri regionali Jean Pierre Guichardaz e Paolo Cretier. I due esponenti dem hanno interrogato l’assessore regionale alla Sanità valdaostana, Luigi Bertschy, per accertarsi se negli ultimi anni sono state eseguite le verifiche obbligatorie sul contenuto e sul posizionamento delle cassette e da quali soggetti sono state eseguite. “Le cassette di pronto soccorso devono essere accessibili a tutti e il set di emergenza se troppo vecchio, deve essere sostituito” hanno sottolineato Guichardaz e Cretier.

Il contenuto della cassetta di pronto soccorso

Anche il contenuto della cassetta che si tiene nella propria abitazione differisce in base all’ambiente in quanto influisono condizioni climatiche o specifici problemi di salute. La cassetta di pronto soccorso contiene gli elementi necessari nelle condizioni di emergenza medica. Va tenuta chiusa con una chiave fuori dalla portata dei bambini.

Di base la cassetta deve contenere disinfettante, cerotti, garze sterili, per medicare ferite e contusioni. Devono esserci dei medicinali da automedicazione come antidolorifici, antistaminici e aspirine, nonché strumenti come pinzette, forbici, siringhe monouso e strumenti di misurazione: misuratori di pressione e termometri.

Cassetta di pronto soccorso in automobile

armadietto pronto soccorsoPer il pronto soccorso da avere nelle automobili ad uso privato non vi è, al momento, una normativa specifica, anche se si consiglia di portare nella vettura almeno un estintore a polvere, un paio di guanti da lavoro, un taglia cintura di sicurezza (è utile anche un coltellino), una torcia e il materiale di base per bendare le ferite.

I mezzi aziendali devono invece attenersi al D.M. 388 del 15 luglio 2003, che descrive nel dettaglio il contenuto del kit di pronto soccorso obbligatorio da avere all’interno del mezzo utilizzato dall’azienda.

Cassetta di pronto soccorso in azienda

Sempre il Decreto Ministeriale 388 luglio 2003 regola la presenza di kit di pronto soccorso in un’azienda. In relazione al contenuto della cassetta di pronto soccorso, il decreto fissa la dotazione essenziale ma, naturalmente, sta alla singola società munirsi di quanto necessario. Le aziende vengono classificate in base al numero di addetti. Le cassette del pronto soccorso in ditte con uno o due lavoratori devono possedere il contenuto minimo previsto per i kit di pronto soccorso degli automezzi aziendali.

Il responsabile aziendale deve provvedere, in base alle esigenze specifiche, a completare il kit in base ai pericoli che si corrono in azienda. Le aziende hanno l’opportunità di reperire facilmente sul web i kit che sono più congrui con le proprie esigenze, ad esempio su medisanshop.com, leader nel settore di prodotti sanitari e medicali.

9 su 10 da parte di 34 recensori La cassetta di pronto soccorso deve essere sempre accessibile La cassetta di pronto soccorso deve essere sempre accessibile ultima modifica: 2017-06-08T09:29:58+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento