Qualità dell’aria. Milano sostiene Air’evolution

Il capoluogo lombardo sostiene l’azione portata avanti dal network C40 per diffondere dati e informazioni corrette sulla produzione di inquinanti delle automobili in circolazione in città.

L’impegno di C40 è stato annunciato a Parigi, dove si è svolto un incontro cui hanno partecipato i leader di alcune delle città internazionali impegnate sul fronte della lotta al cambiamento climatico e i rappresentanti di alcune case automobilistiche.

Anne Hidalgo, sindaco di Parigi e presidente di C40 e Sadiq Khan, sindaco di Londra,  hanno annunciato l’elaborazione di schemi per catalogare le nuove auto in base alle emissioni reali e al loro impatto sulla qualità dell’aria per dare l’opportunità ai cittadini di fare scelte più consapevoli e attente all’ambiente. L’amministrazione comunale di Milano ha accolto con soddisfazione la notizia.

Milano smog

Air’evolution

In base ad alcuni studi, però, le emissioni effettive, su strada, sono 15 volte superiori rispetto agli standard. Per questo motivo, i sindaci C40 hanno deciso di promuovere nuovi sistemi di categorizzazione sulla base degli inquinanti atmosferici emessi in situazioni stradali reali. Tali informazioni saranno messe a disposizione dei cittadini attraverso siti web dedicati.

Milano, Seul, Madrid, Città del Messico, Mosca, Oslo e Tokyo, si impegneranno con Parigi e Londra a lavorare allo sviluppo di un sistema globale di catalogazione autorevole e accessibile a tutti i cittadini, e studieranno come fornire loro dati accurati e trasparenti.

Milano è, infatti, interessata a dare il proprio contributo affinché tutti i cittadini possano ricevere informazioni corrette e puntuali sull’inquinamento realmente prodotto dalle auto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Qualità dell’aria. Milano sostiene Air’evolution Qualità dell’aria. Milano sostiene Air’evolution ultima modifica: 2017-03-31T03:06:16+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento