Studente dell’Università di Pisa catanese, selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea per il progetto “Fly a Rocket”

E’ l’unico italiano nel team e dal 26 marzo al 1 aprile sarà all’Andøya Space Center in Norvegia

E’ l’unico italiano selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per il progetto “Fly a Rocket !”. Federico Mazzaglia, studente dell’Università di Pisa iscritto al primo anno del corso di laurea in Ingegneria aerospaziale, dal 26 marzo al 1 aprile sarà in trasferta all’Andøya Space Center in Norvegia per partecipare alla campagna di lancio di un razzo sonda insieme a venti ragazze e ragazzi provenienti da tutta  Europa.

Federico, classe 1997, originario di Catania, si è trasferito a Pisa per frequentare l’Università e all’inizio di questo anno accademico si è candidato per “Fly a Rocket !”.

Il progetto – spiega la professoressa Maria Vittoria  Salvetti, presidente del corso di laurea in Ingegneria aerospaziale – si sviluppa in due fasi:  un corso online, che Federico ha già portato a termine e la campagna di lancio vera e propria”.

In questo ambito, Federico fa parte del gruppo “Science”, che sarà impegnato nello studio della aerodinamica esterna del razzo e nel rilevamento delle condizioni meteorologiche nel giorno del lancio tramite palloni aerostatici”.

Insieme agli altri partecipanti al progetto abbiamo aperto una pagina Facebook per raccontare la campagna di lancio nel suo svolgimento – conclude Federico Mazzaglia – e a breve inoltre pubblicherò un sito internet dove cercherò di approfondire questa esperienza dal mio punto di vista e condividerla”.

Intanto per chi volesse seguire l’avventura spaziale di Federico su Facebook l’indirizzo è www.facebook.com/FlyaRocket/

9 su 10 da parte di 34 recensori Studente dell’Università di Pisa catanese, selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea per il progetto “Fly a Rocket” Studente dell’Università di Pisa catanese, selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea per il progetto “Fly a Rocket” ultima modifica: 2017-03-24T14:52:58+00:00 da Lucio Di Mauro
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone