Omicidio di Marcello Cimino. Giuseppe Pecoraro confessa: “E’ vero sono stato io”

Il barbaro omicidio di Marcello Cimino è stato commesso da Giuseppe Pecoraro (45 anni) che avrebbe agito per motivi passionali. Il benzinaio si era da poco separato dalla moglie e riteneva che la donna avesse una storia con il senzatetto. “Pensava che Cimino gli insidiasse la moglie – ha spiegato Rodolfo Ruperti capo della squadra Mobile -. Tra i due c’era stata una lite qualche giorno prima, nella piazza vicina alla Missione San Francesco”.

Il benzinaio ha provato a negare

L’uomo è stato incastrato dalle ustioni sul corpo. Il quarantenne ha sostenuto di essersi bruciato “con la macchinetta del caffè”. Poi però ha confessato: “E’ vero sono stato io”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Omicidio di Marcello Cimino. Giuseppe Pecoraro confessa: “E’ vero sono stato io” Omicidio di Marcello Cimino. Giuseppe Pecoraro confessa: “E’ vero sono stato io” ultima modifica: 2017-03-11T20:24:22+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento