Roma. Ai Musei Capitolini la mostra Leonardo e il volo

Il manoscritto originale del Codice sul volo degli uccelli di Leonardo, insieme ad un’esperienza multimediale e 3D, è visibile sino al 17 aprile presso i Musei Capitolini.

Il manoscritto

Si tratta delle intuizioni, le idee e i sogni e i calcoli di Leonardo da Vinci sul volo e sulla possibilità che gli uomini potessero un giorno volare come gli uccelli. L’esposizione è promossa da Roma Capitale, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, da un’idea dell’Associazione Culturale MetaMorfosi, e Zetema Progetto Cultura.

L’originale del Codice del volo degli uccelli, custodito nella Biblioteca Reale di Torino sin dal 1893, è un quaderno in cui Leonardo scrisse e illustrò i suoi studi sul volo. Basandosi sull’osservazione degli uccelli elaborò i progetti per le macchine volanti.

Le apparecchiature multimediali touchscreen consentono di sfogliarlo virtualmente, e navigare in alta risoluzione leggendo grazie alla trascrizione in italiano e in inglese. L’esposizione è arricchita da alcune copie anastatiche del Codice, a partire dalla preziosa edizione francese di fine Ottocento, anch’esse provenienti dalla Biblioteca Reale di Torino.

I contributi alla mostra

L’Istituto TeCIP della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa ha messo a disposizione contenuti multimediali appositamente realizzati per l’allestimento e immagini tridimensionali (3D) che permettono una percezione “immersiva” dei prototipi.

In sala anche una installazione dell’Agenzia Spaziale Italiana che ripercorre le maggiori tappe del volo umano e robotico nello spazio con le missioni di Exomars verso Marte, i lanci dei satelliti e l’abitabilità umana nella Stazione Spaziale Internazionale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma. Ai Musei Capitolini la mostra Leonardo e il volo Roma. Ai Musei Capitolini la mostra Leonardo e il volo ultima modifica: 2017-01-23T00:38:41+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento