Torino. I civich arrestano due romeni che stavano derubando una scolaresca

In manette per furto, colti in flagranza, due pluripregiudicati per reati contro il patrimonio. Sono 2 romena di 30 e 26 anni. I civich  in borghese hanno notato i 2 loschi figuri in via Garibaldi angolo via della Orfane e li hanno seguiti.

I 2 stranieri hanno mirato ad una scolaresca. Nei pressi di via XX Settembre, approfittando del fatto che i ragazzi erano fermi per attraversare, hanno cercato di sottrarre il portafoglio a uno di loro infilandogli una mano nella tasca del cappotto. Gli agenti della Municipale sono intervenuti. Li hanno bloccati e condotti al Comando di via Bologna dove sono stati arrestati.

Furto di una borsa in piazza Carlo Felice

I Vigili hanno fermato mercoledì mattina un giovane dopo aver rubato la borsa a una donna in piazza Carlo Felice. Il borseggiatore è andato via in direzione del quartiere San Salvario.

La donna ha provato ad inseguire l’algerino e poi, avendo incontrato una pattuglia della sezione San Salvario/Borgo Po, ha informato gli agenti che, in seguito alla sua descrizione, sono riusciti a rintracciarlo in largo Saluzzo. Il nordafricano è stato accompagnato al Comando di via Bologna.

Sequestrati confezioni di magneti in ferro e plastica

I civich hanno posto sotto sequestro in un negozio di via Po 730 confezioni di magneti in ferro e plastica, sprovvisti delle principali indicazioni o etichettature attestanti la sicurezza e la tracciabilità, che imitano prodotti alimentari (gianduiotti, biscotti, bibite, latte e altro).

Il titolare è stato denunciato alla Procura della Repubblica per aver immesso in commercio prodotti pericolosi per la salute e diffidato dal porre in vendita tali prodotti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino. I civich arrestano due romeni che stavano derubando una scolaresca Torino. I civich arrestano due romeni che stavano derubando una scolaresca ultima modifica: 2016-12-14T17:00:35+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento