Abbigliamento bambini. Il web a supporto delle famiglie

Internet ha cambiato la vita di tutti noi. Ha creato una grande comunità virtuale allargata dove scambiare esperienze, reperire informazioni, trovare soluzioni. Gli italiani hanno rotto il giacchio con il web e lo sfruttano per ottenere servizi.

Il web è d’aiuto anche nella scelta del vestiario e soprattutto di abbigliamento bambini, uno degli argomenti tra i più dibattuti anche sui forum in relazione alla “difficoltà” a vestire i più piccoli. Il web è diventato una risorsa anche in questa direzione con la possibilità di avere assistenza attraverso gli shop online nello scegliere il vestito più adatto. Si trovano consigli utili sulle taglie, gli abbinamenti, le tendenze del momento ed offerte scontate sui capi all’ultima moda.abbigliamento-bambini

Abbigliamento bambini: ottimi acquisti

Ci sono capi che sono duraturi nel tempo, multiuso. Altri invece sono della taglia sbagliata, hanno scarsa qualità, sono realizzati con materiale fastidioso o comportano lavaggi lunghi. Meglio fare scelte oculate in particolare quando si fanno acquisti per i bambini.

Vestiti di facile manutenzione

Il tempo è un bene limitato e da gestire al meglio. Quando si fanno acquisti è preferibile evitare vestiti che bisogna lavare a mano o hanno bisogno di stiratura.

Acquistare bene

Per i più piccoli non vale il principio di avere l’armadio pieno magari di doppioni tutti di scarsa qualità. Servono abiti di buona fattura e in numero adeguato. Meglio vestiti che sono resistenti ai lavaggi e che durano a lungo. Bisogna combattere con le macchie dei neonati e le marachelle dei più grandi. Comprare meno vestiti ma di qualità conviene anche in termini di spazio.

Controllo prima di pagare

Prima di andare alla cassa (reale o virtuale) vanno sempre controllati i dettagli del vestiario ad esempio se i bottoni ben fissati, le cuciture sono ben fatte, la semplicità di apertura e chiusura. Contro i malanni è importante prestare molta attenzione al giubbotto invernale soprattutto se si chiude in modo coretto (senza rimanere “incastrato”), che riesca a coprire petto e gola. In questo caso vale più la praticità che il loook. Se fisicamente l’abito non si vede è sempre bene leggere le recensioni degli altri utenti per sapere in anticipo quali sono i possibili “difetti”.

Bisogna soffermarsi di più quando si sta facendo l’acquisto piuttosto che tornare a casa e dovere fare un altro viaggio per il cambio o (se acquistato online) fare il reso.

Libertà di movimento

Quando si compra un vestito per i bambini bisogna valutarne confort, morbidezza e possibilmente evitare cucitare che possono risultare fastidiose. I più piccoli sono molto sensibili e potrebbero fare storie ad indossare un capo di abbigliamento che gli fa prurito o “pizzica”. Meglio puntare su jeans e pantaloni senza bottoni ma dotati di elastico per agevolare la mobilità del bambino. Lui o lei devono sempre potersi muovere senza impedimenti.

Una taglia in più

I bambini crescono a vista d’occhio. C’è il rischio che un capo rimanga mai indossato. Il consiglio è di scegliere una taglia più grande, calcolando la stagionalità e il tipo di utilizzo.

0
SHARES
0