Le Rivoltelle hanno vinto la tappa leccese del Fiat Music Tour di Red Ronnie e volano in semifinale

Lecce. La band calabrese de Le Rivoltelle si classificano al primo posto alla tappa leccese del “Fiat Music Artisti e Gruppi della Nuova Era”.

Grande successo per l’esibizione de Le Rivoltelle alle Officine Cantelmo di Lecce durante la quarta tappa del Fiat Music Tour, il roadshow organizzato e condotto da Red Ronnie alla scoperta degli artisti e dei gruppi della nuova era.

Due gli inediti presentati dalle quattro rockers al pubblico presente e alle migliaia di spettatori online che hanno seguito in streaming l’evento: “io non mi inchimo”, l’ultimo singolo anti-mafia lanciato in estate, e “Valentina, tratto da Donne Italiane, l’album di esordio della band.

Le Rivoltelle si sono piazzate al primo posto grazie alla votazione della giuria artistica composta da Fausto Mesolella (storica chitarra degli Avion Travel) e dallo stesso Red Ronnie.

Le semifinali si terranno prossimamente a Bologna, negli studi di Roxy Bar TV di Red Ronnie.

Le Rivoltelle sono una band tutta al femminile dalla solida formazione musicale. Elena, Alessandra, Paola ed Angela sono abili musiciste che si raccontano in chiave rock, particolarmente apprezzate per le loro spettacolari performance ‘live’.

Hanno all’attivo due album e due singoli, tra brani inediti di spessore sociale e ‘cover’ riarrangiate secondo il loro originalissimo stile, su tutte “La notte”, il successo internazionale del cantautore italo-francese Salvatore Adamo. Hanno partecipato come ospiti ad importanti rassegne nazionali ed internazionali, come il MusiCultura Festival, il Festival Anime Salve, il MEI SuperSound, Il RadioNorba Battiti Live, il Fiat Music Tour, il PopKomm di Berlino e la Festa delle Nazioni in Belgio.

Vantano importanti partecipazioni televisive (RaiUno, Rai International, Rai Gulp, La7, La7D) e radiofoniche (Rai Radio 1 e Radio 2), ospiti di Vincenzo Mollica, Maurizio Costanzo, Piero Chiambretti e Red Ronnie. Il loro impegno sociale le ha ripetutamente portate all’attenzione della stampa nazionale (Corriere della Sera, Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa) grazie ad inediti come “Taglia 38”, che tratta il tema dell’anoressia e della bulimia fino all’ultimo “Io non mi inchino”, singolo anti-mafia ispirato e dedicato alla figura del Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri.

Proprio durante il tour promozionale di “Io non mi inchino” Le Rivoltelle sono state vittime di un episodio discriminatorio che le ha impedito di esibirsi durante una festa religiosa, sulla base di un loro presunto orientamento omosessuale. La nota di denuncia pubblicata dalla band sui social (sui quali sono seguite da decine di migliaia di fan) è diventata immediatamente virale: è stata ripresa sulle home page delle più importanti testate online, da Vincenzo Mollica sul TG1 e dal programma “L’aria che tira” su La7, che le ha invitate in studio per raccogliere la loro testimonianza diretta.le-rivoltelle-on-stage

0
SHARES
0