Torino: alla scoperta della tradizione del cioccolato

Torino è una città magica, che lega al suo innato esoterismo l’abilità di produrre un panorama di dolci invidiato in tutto il mondo. La tradizione cioccolatiera torinese affonda le sue radici nella notte dei tempi e si dimostra nella presenza di tante cioccolaterie artigianali in città. Si tratta di laboratori sopraffini, alcuni storici altri nuovi, legati dal filo rosso della ricerca e dell’impiego di materie prime di elevata qualità.
Quali sono le basi della cioccolateria piemontese? Innanzitutto il cioccolato, che viene lavorato artigianalmente e mescolato con le nocciole delle Langhe, vanto regionale prodotto Dop di eccellenza. Le nocciole delle Langhe sono famose per il loro sapore fruttato, per il loro aroma intenso e per la loro resa in pasticceria. Non stupisce che i maestri cioccolatieri le impieghino per dare vita a capolavori artigianali che affascinano tutto il mondo.
La tradizione torinese può quindi iniziare con i gianduiotti, cioccolatini cremosi che vantano la tipica forma a barca rovesciata e che si propongono scioglievoli al palato. I gianduiotti sono diventati nel corso del tempo il simbolo della città e vengono gustati nel periodo autunnale e invernale, regalati nel corso delle feste e offerti come omaggio alle persone care.
Un’altra specialità torinese sono le praline, piccole creazioni di alta pasticceria, che associano al buon cioccolato ingredienti particolari, dalle stesse nocciole alla frutta secca, dai frutti di bosco fino alle meringhe e le spezie. Le praline vengono spesso preparate in confezioni miste, che permettono a chi ama il cioccolato di gustarne di più tipi e di vivere una vera esperienza gastronomica all’insegna del buon cioccolato. E ancora i tartufi, creazioni monoporzione che uniscono alla lavorazione del cioccolato un cuore tenero e vengono lavorati in mille e più modi. Si possono reperire a Torino tartufi preparati con cioccolato al latte, fondenti, alla gianduia o al cioccolato bianco, al pistacchio e raffinate preparazioni che includono ingredienti speciali e dall’origine esotica.

Torino e la tradizione del cioccolato
La città di Torino può quindi essere scoperta da un punto di vista ‘dolce’, in un viaggio che associa il piacere delle belle camminate nel suo centro storico all’acquisto di prodotti tipici di elevata qualità. La passeggiata nelle vie del centro può attraversare la basilica della Grande Madre, con il suo ricco significato storico, sostare alla Mole per ammirare la sua maestosità e dedicarsi ad una frizzante visita nell’interno Museo del Cinema. E ancora, Torino può essere scoperta nel suo prezioso Museo Egizio, dislocato in pieno centro, un angolo di storia che merita di essere visitato con calma e attenzione. E ancora i Murazzi, i localini del centro e i tanti caffè, che propongono i classici prodotti tipici piemontesi, su tutti il cioccolato e la sua naturale bontà, per una scoperta della città dolce e all’insegna del gusto.

1
SHARES
1