Un’abitazione più accessibile e vivibile, soluzioni ed agevolazioni

vasche da bagno per anzianiIn tantissimi nuclei familiari italiani vivono anziani e persone con disabilità. Alcuni gesti della nostra vita sembrano normali come scendere dal letto, vestirsi, salire le scale, lavarsi. A causa dell’età che avanza, di un infortunio o di una malattia degenerativa, queste piccole azioni apparentemente normali potrebbero diventare non facili. Il progresso consente alle persone che hanno difficoltà motorie e di autonomia di non rinunciare alle normali abitudini comuni a tutti. Tra le soluzioni più utili le vasche per anziani, come quelle To Access, contribuiscono a mantenere l’autonomia per l’igiene personale.

Ausili sanitari capaci di far tornare semplice ogni difficoltà

Per salire e scendere le scale si possono installare nell’abitazione diversi modelli di montascale, per scala dritta o curva, fatti a pedana o a poltrona. Basta navigare in rete e trovare l’offerta migliore in termini di qualità, prezzo e assistenza. Contattando l’azienda che può soddisfa le esigenze familiari o personali, si riceve la visita di un incaricato che aiuta a individuare il modello che più si adatta alle proprie esigenze e alla struttura dell’abitazione dove si vive.

Per garantire l’igiene personale della persona con difficoltà motorie, bisogna applicare in bagno delle soluzioni vasca adatte. Chi ha problemi di mobilità deve ovviare all’ingresso in vasca e contemporaneamente evitare il dolore alle articolazioni, il rischio di caduta o perdita di equilibrio. Per essere autonomi ed evitare di doversi far supportare da parte di qualcuno al momento di rialzarsi, si può installare una vasca con sportello per entrare e uscire in sicurezza, autonomia ed indipendenza.

Le vasche con sportello erano una prerogativa delle strutture ospedaliere

I progressi in materia di progettazione e realizzazione di vasche con sportello hanno dato la possibilità di installarle nelle abitazioni private. Queste ausili fino a poco tempo addietro erano una prerogativa delle strutture ospedaliere. Uno studio delle forme e del design ha trasformato le vasche con sportello in ausili funzionali. Queste vasche sono state concepite per essere un valido supporto alle persone disabili, ma le loro caratteristiche sono compatibili con le esigenze di chiunque.

Portatori di handicap grave

Per i soggetti portatori di handicap grave, una vasca da bagno con sportello è la soluzione più comoda per la propria igiene personale in piena autonomia. L’accessibilità è offerta dalla speciale porta d’ingresso maggiorata che consente alla persona in sedia a rotelle di accostarsi alla vasca e di entrarvi da seduto. All’apertura della vasca si presenta un ergonomico sedile antiscivolo in grado di accogliere con fermezza anche le persone fuori forma, impedendo che queste scivolino in avanti o all’indietro. Una volta richiuso lo sportello a tenuta stagna, tutta la rubinetteria e i comandi per attivare le funzioni della vasca si trovano preinstallati sul bordo e a portata di mano. Con un semplice tocco sarà possibile avviare il riempimento veloce della vasca e poi aprire il doppio scarico che garantisce un veloce deflusso dell’acqua. Gli ampi maniglioni sono sia il migliore appoggio per gli spostamenti dall’interno all’esterno della vasca, sia il punto ideale dove appendere un asciugamano.

Le persone anziane

I dolori articolari e una ridotta mobilità si presentano quando si è avanti con gli anni. Salire su per le scale, pettinarsi o allacciarsi le scarpe comportano una difficoltà maggiore. Scavalcare il bordo di una vasca diventa a volte rischioso, in particolare quando si esce, quando le pareti della vasca e il pavimento sono carichi di umidità. Per le persone che hanno problemi di equilibrio, che soffrono di dolori muscolari o alle articolazioni, una vasca da bagno con sportello è molto pratica e aiuta ad essere autonomi.

Una vasca così concepita dispone di un fondo trattato per essere antiscivolo e garantire la migliore tenuta. La possibilità di avere anche una seduta interna – sia fissa che reclinabile o motorizzata – è realizzata per essere stabile e confortevole. La lavorazione a mano del telaio consente alle vasche di essere personalizzabili in base non solo alle preferenze dell’utilizzatore ma anche alle dimensioni effettive del loro bagno.

La famiglia

In presenza di una gravidanza o di una malattia, in un percorso di riabilitazione post operatoria, le vasche con sportello possono rappresentare uno strumento irrinunciabile. Il vetro in cristallo trasforma ogni vasca anche in un box doccia, ideale per chi preferisce al bagno una pratica e veloce doccia. Il getto idromassaggio rilassa e agevola la corretta eliminazione dei liquidi corporei in eccesso e la buona circolazione sanguigna.

Agevolazioni alle quali si ha diritto

I costi delle vasche sono accessibili. Inoltre per chi ha una disabilità certificata, può usufruire di agevolazioni. Per le persone con disabilità e i loro familiari sono previste numerose agevolazioni fiscali. Tra queste, quelle relative all’acquisto di veicoli, la detrazione delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza o per l’eliminazione delle barriere architettoniche, le agevolazioni per i non vedenti e per i sordi, quelle sugli acquisti degli ausili tecnici e informatici.

Le persone con disabilità accertata o i loro familiari possono contare su aiuti fiscali che lo Stato ha previsto per sostenere situazioni di difficoltà economica e sociale. Per l’abbattimento delle barriere architettoniche sono previste delle agevolazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili. La quota di detrazione Irpef è pari al 50% su un importo massimo di 96 mila € (se la spesa è sostenuta tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2016) e detrazione del 36% su un importo massimo di 48 mila € per le spese effettuate dal 1° gennaio 2017.

Esistono delle agevolazioni contenute nella Legge 104 o la Legge 13. Si tratta di benefici fiscali. Acquistando uno qualsiasi dei prodotti per disabili, si ha l’IVA agevolata al 4% che aiuta ad abbattere i costi. La Legge 104 regola tutto in materia di diritti e doveri per le persone disabili e per quelle che si prendono cura di loro. Il 50% della somma spesa per l’acquisto di una delle vasche con apertura che si apre lateralmente, può essere detratta dall’Irpef dell’acquirente.

La Legge 13 consente di ricevere un contributo economico da utilizzare per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il termine ultimo per usufruire di questa possibilità è il 31 dicembre 2016.

0
SHARES
0