Serie A Tim decima giornata, il Crotone interrompe la striscia delle sette sconfitte consecutive sul difficile terreno dell’Artemio Franchi

alex cordazMinuti finali ancora fatali al Crotone che subisce il gol del pareggio in seguito ad un calcio d’angolo e con la complicità di Rohden che ha svirgolato il pallone consentendo ad Astori di metterlo dentro. Poteva essere la prima vittoria ed invece è stato conquistato un solo punto che aiuta a risollevare il morale dopo una serie di sette sconfitte consecutive (otto in totale) ed a smuovere la classifica ora a due punti. Il distacco dalle squadre che precedono il Crotone non è incolmabile e le 28 partite che ancora mancano al termine della stagione lo consentono.

Si commetterebbe però un errore pensare che dopo Firenze tutto è stato risolto per quanto concerne tenuta atletica e qualità tecnica.

È stato un incontro che mister Nicola ha voluto affrontare con un ampio turnover lasciando fuori Claiton, Martella, Crisetig, Salzano, Tonev, Palladino e dentro Ceccherini, Mesbak, Barberis, Rohden, Trotta, Stoian.

Rispetto alla precedente trasferta di Cagliari un solo cambio effettuato da mister Paulo Sosa immettendo Badely al posto di Kalinic.

L’abbondante pioggia che cadeva fin dall’inizio ha costretto l’arbitro Gavillucci a sospendere la partita al diciassettesimo minuto sul risultato di parità senza gol realizzati. Mezzora d’intervallo per consentire agli addetti alla manutenzione del terreno di drenare l’acqua e si torna in campo per riprendere il gioco. Crotone ancora pimpante e senza alcun timore reverenziale nei confronti dei più quotati avversari passa in vantaggio al minuto 24 con Falcinelli (secondo gol con la maglia rossoblù). La supremazia rossoblù a corrente alternata mette in difficoltà gli avversari che non riescono a recuperare lo svantaggio. Il terreno allentato dalla pioggia favorisce il Crotone meno tecnico dei viola. Termina il primo tempo con il vantaggio degli ospiti. Ripresa  con il primo cambio operato dal tecnico dei gigliati. Fuori il difensore Olivera, dentro il centrocampista Kalini  per una maggiore spinta offensiva. Il Crotone non soffre sotto la continua spinta dei locali alla ricerca del pareggio e riesce a portarsi più volte in area avversaria. La fatica si fa sentire tra i rossoblù ed il primo ad uscire è Stoian, tra i migliori in campo, ed al suo posto Palladino. Minuti finali ancora fatali al Crotone come in altre occasioni. Correva il minuto ottantatre ed in seguito al tredicesimo angolo a sfavore Cordaz subisce il gol del pareggio per opera di Astori facilitato nell’esecuzione da un liscio di Rohden. Un punto conquistato meritatamente dai pitagorici si un terreno dove mai nessuna squadra aveva segnato un gol in questo campionato.  

Fiorentina           1

Crotone               1

Marcatori: Falcinelli 24°, Astori 84°

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu, Salcedo, Rodriguez, Astori, Tello, Badely, Bernardeschi (Chiesa), Vecino, Max Olivera (Kalinic), Babacar, Ilicic. All. Paulo Sosa

Crotone (4-3-3): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbak, Capezzi, Barberis, Rohden, Falcinelli (Claiton), Trotta (Simy), Stoian (Palladino). All. Nicola

Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina

Coll. Di Pinto – Liberti

Quarto giudice: Passeri

Add.1 Pairetto – Add. 2 Rapuano

Ammoniti: Stoian, Ceccherini

Angoli: 14 a 1 per la Fiorentina

Recupero: 2 e 4 minuti

0
SHARES
0