A Roma è possibile ricevere il sostegno contro la povertà

poveriIn qualsiasi momento dell’anno, è possibile presentare in ogni Municipio di Roma la domanda per il “Sostegno Inclusione Attiva”, la Sia, una misura istituita dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze che prevede l’erogazione di un beneficio economico alle famiglie disagiate con almeno un minorenne o un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata.

Provvedimento di contrasto alla povertà

Il provvedimento punta all’inclusione sociale aiutando le famiglie a superare il tunnel della povertà e a riconquistare l’autonomia. Per accedere al beneficio, i nuclei che rientrano nei requisiti di cittadinanza e residenza, familiari ed economici richiesti, devono aderire ad un “progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa”.

Il progetto è costruito insieme ai membri stessi delle famiglie, valutando problemi e bisogni di tutti i componenti, e si articola in una serie d’interventi integrati tra loro.

Servizi sociali in rete con gli altri servizi del territorio

I progetto prevede l’interazione con centri per l’impiego, servizi sanitari, scuole, terzo settore, parti sociali e l’intera comunità. “Il Sostegno Inclusione Attiva, che prevede un contributo economico erogato tramite una card, è una misura di carattere nazionale, valida per tutti i Comuni, ma a Roma non era nemmeno partita” ha sottolineato la sindaca Virginia Raggi parlando della variazione di bilancio a garanzia dei servizi sociali nella Capitale.

0
SHARES
0