Continua la solidarietà per Amatrice… Chef stellati all’opera…

L’esercito composto da ben 70 tra i migliori cuochi del Bel Paese è pronto per accendere i fornelli della solidarietà. A partire da sabato 8 ottobre, a Rieti – presso l’Istituto Alberghiero Costaggini in via dei Salici, 62 – per tre sere, il gotha della ristorazione laziale e italiana porterà il proprio contributo benefico a favore dei territori colpiti dal sisma dello scorso 24 agosto. Tutto il ricavato delle tre cene di beneficenza targate “Le stelle tornano a scuola” – l’iniziativa nata dall’idea di Maurizio e Sandro Serva del Ristorante La Trota di Rivodutri – servirà infatti per riattivare e ammodernare la sede della scuola alberghiera di Amatrice.

Si parte sabato 8 con 25 insegne della Sabinache serviranno le pietanze di un territorio straordinario. Questi i piatti preparati per l’occasione: Coniglio ripierno di patè di fegatini e maionese di lamponi, Bon bon di manzo con maionese di salsa verde, Anitra in agrodolce con prugne, Stinco di maiale al forno,‘Gnudi alla labrese, Arrosto di manzo al timo con composta di cipolle rosse di Tropea, Zuppa di ceci con polpette di baccalà, Trippa alla romana, Agnello di Amatrice alla cacciatora, Pizza rentorta con formaggi, Guancia brasata, Uovo orto e tartufo, Stracotto di maiale di Cinta Senese su battuto di prezzemolo in olio di oliva DOP Capofarfa, Polpette al pomodoro, Trota reatina marinata con lenticchie e patate.

Domenica 9 scendono in campo ben 40 assi della cucina romana e laziale. Una vera e propria pioggia di stelle pronte a collaborare per dare vita a menu unici in una serata senza precedenti e semplicemente imperdibile. Ecco l’elenco completo con tutte le accoppiate chef/piatto:

Enrico Pierri, Il San Lorenzo, Carpaccio ricciola, rapa rossa e yogurt greco

Claudio Gargioli, Armando al Pantheon, Bollito alla picchiapò

Massimo Riccioli, La Rosetta, Tabulè di gamberi erbe e verdure

Angelo Troiani, Il Convivio Troiani, Ravioli di pane burro e alici

Luigi Picca e Domenico Stile, Enoteca La Torre, Crema bruciata di pastiera con gel pompelmo e achillea

Gino Pesce, Acqua Pazza, Carpaccio ricciola, rapa rossa e yogurt greco

Anthony Genovese, Il Pagliaccio, Costine di maiale laccate, maionese di arachidi e crema di melanzane

Arcangelo Dandini, L’Arcangelo, Pane e cipolle

Davide del Duca, Osteria Fernanda, Peperone cappero e cenere di aglio

Pino Cau e Luigi Nastri, Stazione di Posta, Anatra e carote

Andrea Fusco, Giuda Ballerino, Funghi, alghe e lingua di vitello

Cristina Bowerman, Glass Hostaria, Elle alla terza: limone, lattuga, lumache ; pane e olio

Massimo Viglietti, Enoteca al Parlmento, Pera funghi e carciofi

Francesco Apreda, Imagò Hassler, Vellutata di cipolle funghi e miso rosso

Riccardo di Giacinto, All’Oro Restaurant, Maritozz’Oro bollito e salsa verde

Roy Caceres, Metamorfosi, Uva fragola, blu del monviso e cioccolato bianco

Cristiano Iacobelli, Atlas Coelestis,  La terrina, la giardiniera e il mosto cotto

Giulio Terrinoni, Per Me, Trippa di rana pescatrice alla romana

Gianfranco Pascucci, Pascucci al Porticciolo, Panino da spiaggia

Stefano Callegari e Sarah Cicolini, Sforno, Tonda, Trapizzino, Supplì aglio, olio e peperoncino

Stefano Chinappi e Federico del Monte, Ristorante Chinappi, Sgombro controvento

Gastone Pierini, Ristorante Moma, Ricotta lamponi rosa

Giuseppe di Iorio, Aroma, Coscia maialino con composta albicocche secche e patate

Cristina Milozzi, Il Ceppo, Ombrina boccadoro affumicata con salsina cacciatora

Roberto Cotugno, Eataly, Polpo alla vecchia maniera con morbido di patate di montagnia e croccante di pane

Noda Kotaro, Bistrot 64, Uovo 64° con brodo di liquirizia

Marina Perna, La Regola, Baccalà alla genovese (in opzione vegetariano)

Iside de Cesare, La Parolina, Panzanella di pesce di lago

Walter Regolanti, Romolo al Porto, Millefoglie patate con filettini di pesce di paranza, Primo Sale e olio profumato al basilico

Max Cotilli, Satricum, Pappa al Pomodoro con ragù di mazzancolle

Claudio Petrolo, Claudio Petrolo-Storie di Mare, Baccalà, cavolfiore, mandorle, cipolle, pane

Antonio Magliulo, La Posta Vecchia, Coda di vitello e spuma di sedano

Marco Claroni, Osteria dell’Orologio, Tonno porcini e nocciole

Andrea Viola, San Giorgio a Maccarese, Animelle cipolla pain brioche, verza e mele verdi e Dolce amatriciana

Giuseppe Giovale, Beppe e i suoi Formaggi, Selezione di formaggi

Alba Esteva Ruiz, Marzapane, Pain d’épices, limone e carote

Giancarlo Casa, La Gatta Mangiona, Risotto ai due pomodori e ricotta , con spezie e scorzette di limone

Michelino Gioia, Cappello del prete, spinaci e pecorino romano

Gran finale, lunedì 10, affidato alle superstar della cucina tricolore. Massimo Bottura servirà il suo Riso Cacio e Pepe, Moreno Cedroni il Polpo con verdure in salsa verde, gelatina di pane e la sua maionese, i fratelli Serva la Carpa in crosta con maionese di rape rosse, Gennaro Esposito ilRisotto ai peperoni gialli con trippa di baccalà, Carlo Cracco l’Uovo affumicato e Mauro Uliassi ilFondente liquido con patate affumicate, patate e pesce.                             

A condurre le danze sarà Luigi Cremona, noto giornalista e gastronomo, mentre al servizio penseranno i ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Rieti – insieme ai loro colleghi di Amatrice che beneficeranno di questa splendida iniziativa – coordinati dall’Associazione Noi di Sala, che ha collaborato anche alla raccolta dei vini.

Per le serate di domenica 9 e lunedì 10, l’organizzazione ha pensato ad un servizio di navettaRoma – Rieti – Roma, del tutto gratuito. Le navette aspetteranno gli ospiti presso l’area di carico e scarico dedicata della Stazione Tiburtina e la partenza è prevista per le 18:00.

 NOTE SULL’INIZIATIVA E MODALITA’ DI PRENOTAZIONE ALLE SERATE

L’iniziativa prevede 3 cene e 70 chef che per l’occasione cucineranno insieme all’interno dell’Istituto Alberghiero di Rieti

Sabato 8 ottobre va in scena la Ristorazione Reatina

Domenica 9 ottobre tocca alla Ristorazione Romana con i migliori chef della Capitale e del Lazio

Lunedì 10 ottobre arriva la Ristorazione italiana con alcuni degli chef più rappresentativi del Bel Paese: Massimo Bottura, Carlo Cracco, Gennaro Esposito, Mauro Uliassi, Moreno Cedroni e i fratelli Maurizio e Sandro Serva.

Le cene si svolgeranno all’interno dell’Istituto Alberghiero “Costaggini” di Rieti in Via dei Salici 62 ed inizieranno alle ore 20:00. Il servizio verrà realizzato dagli allievi di Rieti e di Amatrice. Per le serate di domenica 9 e lunedì 10 ottobre, l’organizzazione metterà a disposizione, gratuitamente, un servizio di navetta Roma – Rieti.

 Il ricavato delle tre serate sarà versato per la riattivazione, ripristino ed eventuale ammodernamento dei laboratori dell’Istituto Alberghiero di Amatrice nel conto corrente Comitato Sisma 6 Onlus i cui promotori sono due notai in Rieti.

0
SHARES
0