Torino, prostitute monitorate con “software spia” arrestati 10 albanesi

Nei loro cellulari delle lucciole avevano installato dei “software spia“. I proventi della prostituzione venivano utilizzati per produrre marijuana in modo industriale. A scoprire questo business criminale sono stati i Carabinieri della Compagnia di Torino Oltre Dora dopo mesi di articolate indagini.

Nell’organizzazione anche un esperto botanico

In manette sono finiti 10 albanesi. Oltre 4 mila le piante di marijuana sono state poste sotto sequestro.

L’organizzazione, decisamente strutturata e “innovativa”, disponeva anche di un botanico esperto in coltivazione di canapa indiana, contadini e campi di marijuana realizzati in boschi isolati e aree appositamente disboscate.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, prostitute monitorate con “software spia” arrestati 10 albanesi Torino, prostitute monitorate con “software spia” arrestati 10 albanesi ultima modifica: 2016-09-26T07:52:56+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento