Borgo San Dalmazzo e Sedico in apprensione per Bruno Cacace e Danilo Calonego

Due connazionali sono stati rapiti a Ghat. Ad essere sequestrati Bruno Cacace, 56 anni, residente a Borgo San Dalmazzo e Danilo Calonego, 68 anni, nato e residente a Sedico.

I rapiti sono in totale tre

Ai 2 italiani si aggiunge un italo-canadese. Tutti lavorano per la società piemontese Con.I.Cos, in Libia dal 1982, al momento attiva nella manutenzione dell’aeroporto di Ghat. Gli operai si trovano in Libia da tempo anche se non erano stati registrati. Sarà la Procura di Roma ad indagare. Si procederà per sequestro di persona con finalità di terrorismo.

Erano in viaggio verso la sede della società a Bi’r Tahala

Il rapimento è avvenuto a nord del centro abitato di Ghat, a 60 km dalla cittadina, da sconosciuti armati. Tre auto hanno affiancato e bloccato il mezzo su cui viaggiavano gli italiani, hanno sparato a un piede all’autista e hanno costretto gli italiani e il canadese a salire con loro. Poi se ne sono andati.

I rapiti

Bruno Cacace vive da circa 15 anni in Libia e torna a Borgo San Dalmazzo ogni 6 mesi. Lo aspettano la madre, la sorella e un fratello. L’uomo è separato da alcuni anni e ha 2 figlie che risiederebbero a Saint-Tropez e a Parigi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Borgo San Dalmazzo e Sedico in apprensione per Bruno Cacace e Danilo Calonego Borgo San Dalmazzo e Sedico in apprensione per Bruno Cacace e Danilo Calonego ultima modifica: 2016-09-19T22:52:08+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento