New York, violenta esplosione a Chelsea 29 feriti, trovata una seconda bomba

Momenti di grande terrore a Manhattan. Il botto ha interessato la 23esima strada, tra la sesta e la settima avenue. Esploso un ordigno nascosto in un cassonetto dell’immondizia.

De Blasio: “E’ stato un attacco intenzionale”

Lo ha precisato il sindaco di New York, Bill De Blasio, spiegando che non ci sono “prove di un legame con il terrorismo“.

“Nessuno dei feriti è in pericolo di vita”

Delle 29 persone ferite nessuno è in pericolo di vita per come riferisce il primo cittadino. Giunta la task force antiterrorismo. La zona è stata messa in lockdown: bloccate anche alcune linee della metropolitana.

La Polizia ha trovato un secondo possibile ordigno

Sarebbe collocato sulla 27esima strada, poco lontano dal primo. I media sostengono si tratta di un ordigno rudimentale confezionato con una pentola a pressione. Dell’ordigno ha parlato la Polizia di New York in un tweet.

Barack Obama era a Washington

Il Presidente è stato informato dell’accaduto mente era ad una cena di gala del Congressional Black Caucus Foundation per Hillary Clinton.

Obama è atteso a New York, con altre decine di capi di Stato e di governo, che da lunedì parteciperanno ai lavori delle Nazioni Unite.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone