Padova, Alex Vettorato morto in un incidente a Cles

Il barista padovano di 27 anni stava tornando a casa dopo la chiusura di un locale che gestiva. Alex Vettorato, originario di Padova, abitava in Val di Non dal 2010. E’ stato ricoverato in rianimazione all’ospedale Santa Chiara di Trento. dopo essere uscito di strada per il ribaltamento della sua auto. E’ morto dopo aver lottato tra la vita e la morte.

Incidente lungo la SS43 nell’abitato di Cles

L’incidente è avvenuto in corrispondenza del civico 140 di via Trento e ha coinvolto Alex Vettorato, che abitava in Predaia, prima a Coredo e poi a Sfruz. Stava rincasando dopo la chiusura del Bar Sport di Cles, che gestiva insieme all’amico Manuel Lorenzoni. L’auto del ventenne padovano procedeva in direzione Trento e poco dopo il bar Giordi, in corrispondenza di una semicurva, è uscita dalla carreggiata invadendo il piazzale di un negozio di generi alimentari. Il mezzo ha urtato il muretto di recinzione del piazzale della Lamtex, rovesciandosi e andando a finire su una stradina che collega la SS43 all’area industriale di Cles. Il ragazzo è stato scaraventato fuori dall’abitacolo.

Soccorso dall’ambulanza di Trentino Emergenza

Il barista è stato stabilizzato e trasportato all’ospedale di Cles, dove ad attenderlo c’era l’elicottero del 118 che lo ha portato al Santa Chiara. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco Volontari di Cles, guidati dal comandante Luca Sollecito e dal caposquadra Stefano Poletti. Le condizioni dell’automobilista sono apparse subito critiche.

Per sua espressa volontà, sono stati donati gli organi

Dopo due giorni di lotta in rianimazione, dopo il terribile incidente stradale di Cles, Alex Vettorato è morto. I suoi organi sono stati donati. La scelta è stata fatta per sua espressa volontà.

9 su 10 da parte di 34 recensori Padova, Alex Vettorato morto in un incidente a Cles Padova, Alex Vettorato morto in un incidente a Cles ultima modifica: 2016-09-18T20:35:27+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento