Cinisello Balsamo, operaio di 46 anni arrestato per maltrattamenti e tentato omicidio della moglie

Ancora abusi su donne. Una milanese è stata accoltellata nella sua abitazione in via Picasso a Cinisello Balsamo. Il ferimento è avvenuto dopo una lite per motivi di gelosia.

L’ uomo, incensurato, è rincasato e ha trovato la moglie di 42 con un amico. Il conoscente è andato via, la donna è stata picchiata, presa per il collo e ferita con un coltello in ceramica preso in cucina. La moglie è riuscita a resistere ai colpi difendendosi con le mani ma la punta della lama le si è spezzata nello sterno. Solo in quel momento l’uomo si è calmato ed è uscito per andare a prendere i figli di 3 e 5 anni a scuola.

La moglie si è prima medicata. Poi ha chiamato la Polizia. I poliziotti hanno chiesto di vedere la mano fasciata e dopo aver capito la gravità della ferita hanno chiesto il trasporto al Policlinico, dove una radiografia ha rivelato anche il pezzo di lama nello sterno. L’operaio di 46 anni è stato bloccato mentre tornava a casa, la moglie ha avuto una prognosi di un mese.

“Mio marito ha cercato di ammazzarmi”

È quanto ha riferito alla Polizia giunta nella sua abitazione, in via Picasso. La vittima ha raccontato che il marito l’avrebbe accoltellata qualche ora prima. Tornando a casa, l’uomo l’avrebbe trovata in compagnia di un’altra persona. “Mi ha tradito”, avrebbe poi dichiarato agli agenti in commissariato, ammettendo di averla ripetutamente colpita con un coltello di ceramica da cucina.

Violenta lite nel 2010

Le cronache locali riferiscono di un precedente. Nel 2010 le forze dell’ordine erano intervenute per sedare un litigio violento tra i due.

La coppia ha 4 figli, di cui due minorenni affidati alla zia materna. La madre si trova ricoverata con una prognosi di 21 giorni all’ospedale Policlinico Maggiore di Milano in attesa di essere operata per l’estrazione di un frammento della lama dal torace.

Il marito, italiano, si trova ora al carcere di Monza e dovrà rispondere dell’accusa di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn2Email this to someone