Trivero, Irma Borgoglio morta da 6 mesi corpo nel freezer, denunciato Pierangelo Bussolera

I Carabinieri, su segnalazione dei vicini di casa, hanno suonato alla porta dell’abitazione di Irma Borgoglio, a Bellavista di Trivero, nell’alta collina della provincia di Biella. Il cadavere era in cucina vicino al congelatore. L’uomo di 63 anni è stato denunciato per occultamento di cadavere. L’ipotesi è che avesse nascosto il decesso per continuare ad incassare la pensione della centenaria.

Allarme lanciato dai vicini

Tra la donna e il figlio sembra che le liti fossero all’ordine del giorno. I due si erano trasferiti da Piacenza a Bellavista di Trivero, nella casa di villeggiatura della famiglia, da circa un anno e sembra che l’uomo avesse lasciato il lavoro e vivesse con la pensione dell’anziana madre.

La donna sarebbe morta lo scorso marzo. I Carabinieri mantengono il massimo riserbo sulla vicenda, limitandosi ad affermare che “sono in corso indagini rivolte ad accertare le circostanze e le modalità che hanno portato al decesso, da collocarsi in epoca di molto antecedente al rinvenimento”. Tra le ipotesi c’è però quella che l’uomo, resosi conto dell’arrivo delle forze dell’ordine, abbia tolto il cadavere dal freezer, il cui acquisto aveva stupito i vicini, per simulare un improvviso malore.

Pierangelo Bussolera è stato fermato e accompagnato nella caserma dei Carabinieri

Irma Borgoglio è stata trovata cadavere in un appartamento a frazione Bellavista di Trivero. La donna viveva con il figlio, Pierangelo Bussolera, 63 anni, portato nella caserma dei carabinieri del paese. L’uomo deve rispondere dell’accusa di occultamento di cadavere. Si avanza l’ipotesi di non aver denunciato il decesso per incassare i soldi della pensione. A chi gli avrebbe chiesto notizie della mamma, il figlio avrebbe dato risposte sempre più evasive.

Tra le ipotesi quella secondo cui il figlio, resosi conto dell’arrivo delle forze dell’ordine, avrebbe tolto la donna dal frigorifero nel tentativo di avvalorare la tesi di un malore o di un incidente domestico.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone