Postiglione, lasciato dalla moglie bracciante agricolo si toglie la vita con l’ingestione di farmaci

Un piccolo centro della provincia di Salerno sotto choc. Postiglione è sconvolto dal suicidio di un uomo di 60 anni per via di una delusione amorosa. L’uomo ha ingerito decine di pillole per il cuore spirando ore dopo in ospedale. Il sessantenne di Postiglione si è suicidato con l’ingestione non terapeutica di una quantità enorme di farmaci.

Deluso per la fine del rapporto con la moglie

L’uomo è piombato in una depressione crescente fino al gesto estremo. L’uomo è stato soccorso venerdì sera. In stato confusionale è giunto al pronto soccorso. I sanitari del 118 lo hanno accompagnato all’ospedale di Eboli. La dose massiccia è stata confermata dai medici del servizio territoriale. Dopo la lavanda gastrica, il sessantenne è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva.

Morte naturale

La salma non è stata sequestrata. Per i Carabinieri e per la Procura di Salerno si tratta di una morte naturale, non provocata da terze persone. Per il bracciante agricolo di Postiglione non c’è stato nulla da fare.

9 su 10 da parte di 34 recensori Postiglione, lasciato dalla moglie bracciante agricolo si toglie la vita con l’ingestione di farmaci Postiglione, lasciato dalla moglie bracciante agricolo si toglie la vita con l’ingestione di farmaci ultima modifica: 2016-09-03T23:22:07+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento