Nella fantasia

Nella fantasia

Di vincenzo calafiore
30 Agosto 2016-Udine

“ ….. se vuoi salvarti affida la tua anima
a Fantasia che assieme agli elfi ti porterà
lontano facendoti conoscere ciò che ti pare di
conoscere; ma anche amare una donna e non
una femmina, amare e sognare, vivere! “

Tra non molto incrociando uno scambio il treno su cui viaggio si immetterà sul “ 70’ “ binario
è quella linea ambita dalle vecchie vaporiere, perché agevole, tutto discese e pianure che costeggiano il mare.
Ne avevo sentito parlare di questo “ binario “ e mi dicevo che non esisteva e che era una fiaba che vecchi macchinisti e viaggiatori viaggianti ci raccontavano a noi giovani per farci stare buoni.
Ma ora, io che ero piccolo e guardavo il mondo col naso all’insù sono passato dall’altra parte, cioè dalla parte di chi guarda il mondo col naso all’ingiù, e vorrei raccontarlo a qualcuno il mio viaggio, ma a chi?
E’ come trovarmi in un tempo “sbagliato” un tempo in cui nessuno ha più un “momento” per ascoltare e un momento per continuare, tutto compresi umani è veloce, standardizzato, uguale, monocolore.
Nel frattempo prevedendo di attraversare il “grande mare della solitudine “ come Noè per il diluvio universale io mi sono fatta “ un’astronave a remi “ per salvarmi dal gioco inutile dell’essere costretto a uno scanno incatenato al nulla.
E’ già da parecchio tempo che viaggio con la mia “ astronave a remi “ andando a cercare Argonauti come me sparsi in questo immane di lontananze e distanze; così ho potuto incontrare dopo averli tanto cercati: Claudio DeMuro, Renzo Marzona, Giovanni Anziutti, Flavio Snidero, Piero Fundarò, e il più giovane fra noi componenti l’equipaggio, Andrea DeMuro!
Tutto sommato nonostante le innumerevoli tempeste superate di quando andavo per mare e che hanno lasciato tutte vecchie ferite, solitudini, tristezze, mi ritengo fortunato perché ho conosciuto tanti giovani che ancora si ricordano di me, ho incontrato la donna che amo.
Ma qualcosa si è rotto in me, il mare grande della vita mi ha cambiato dopo tanta solitudine, dopo tanto silenzio che mi hanno fatto pescatore di perle e ora per finire “ rematore” di un’astronave a remi.
Quando ero costretto su quel pianeta terra nessuno mai mi ha chiesto se ero felice, nessuno mai mi gettò un salvagente per non farmi annegare e annaspando mi sono sempre salvato in Extremis‎ quando mi pareva d’essere alla fine della vita, in punto di morte, su una riva dove ho vissuto come uno spiaggiatore.
Ma ho potuto anche conoscere e saggiare il grande sentimento che è l’amicizia, l’amore, la fratellanza; il più grande amore si chiama Cultura o conoscenza, musica.
Ho cominciato a costruire la mia astronave a remi su una spianata del monte “ Argos” che nel linguaggio degli Elfi significa sono stati loro a raccogliermi e a ricompormi, sono stati loro a darmi le rotte più belle e a realizzarla; ma mi hanno fatto dono del grande desiderio di pescare perle che ancora adesso infilo per farne collane: le parole.
Ci sono stati momenti emozionanti vissuti con patos, qualcuno li chiama pure esperienza, ma anche di grandi delusioni e di amarezze, forse più di queste.
C’è stato un tempo di abbandono in cui avevo smesso di annaspare e avevo il desiderio di annegare, quando Andrea Larnè mi prese e mi tirò su facendomi nuovamente respirare aria di vita ed ora eccomi qui alla soglia del binario “ 70’ “ !
Felicemente perduto negli spazi siderali, negli anelli di Saturno distante dall’infame condizione di schiavo delle abitudini, lontano dai commercianti d’anime, distante dall’usualità, capace di riconoscere e distinguere.
E io amo questa vita mia, fatta più di distingui e di distanze dal nulla, che di comunanza.
Amo questa vita fiabesca piena di luci dei sogni che gli – elfi – di notte lasciano per me cadere da Argos!

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone