Potenza, il #futurodellavoro al centro quarta festa della Cgil Basilicata

Il #futurodellavoro è il tema della quarta festa della Cgil Potenza e della Cgil Basilicata, che si terrà a Potenza in piazza Don Bosco il 3 e 4 settembre prossimi.

Italia in recessione economica

Angelo Summa, segretario generale Cgil Basilicata, osserva che “l’Italia è ancora in una condizione di recessione economica. A soffrire maggiormente è il nostro mezzogiorno, dove la mancanza di investimenti non consente una reale via d’uscita. Noi, invece, crediamo che la strada esista e vada costruita insieme, con il mondo produttivo, accademico, istituzionale e delle infrastrutture sociali. Nelle maglie di una società in cambiamento, anche il lavoro cambia pelle e amplia la gamma dei servizi. Ed è qui, in particolare nella cooperazione e nell’impresa sociale, che bisogna ritrovare il futuro del lavoro”.

“Il welfare che crea lavoro”

E’ il tema che verrà affrontato nel fine settimana insieme ad “Una nuova politica industriale per una nuova Basilicata”. Da un lato il welfare, soggetto economico di impatto rilevante, dall’altro il progetto di una nuova Basilicata “oltre il petrolio”. Di tutto ciò si discuterà con grandi ospiti nazionali, come il presidente Svimez Adriano Giannola, il presidente della regione Toscana Enrico Rossi, il segretario generale Fiom Maurizio Landini.

Dibattito sulla riforma costituzionale

Spazio anche agli approfondimenti, sulla riforma costituzionale con l’intervista del presidente dell’ordine dei giornalisti di Basilicata Mimmo Sammartino a Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale e su giovani e start-up con il sociologo Vincenzo Moretti, blogger di #Lavorobenfatto su Il Sole 24 ore.

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, il #futurodellavoro al centro quarta festa della Cgil Basilicata Potenza, il #futurodellavoro al centro quarta festa della Cgil Basilicata ultima modifica: 2016-08-29T18:24:30+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento