Milano, quartiere Adriano profondo lavoro di ricucitura territoriale

Il Comune ha messo in campo un grande progetto di rigenerazione urbana per il quartiere Adriano, per la realizzazione del quale la Giunta ha deliberato la partecipazione al bando nazionale che mette a disposizione finanziamenti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie. Risorse statali per un ammontare di 18 milioni che si aggiungerebbero a quelle già reperite dall’Amministrazione (29 milioni) e a quelle messe a disposizione da Fondazione Cariplo (10 milioni per un ampio progetto che riguarda la rigenerazione dei quartieri di Milano, a partire dal quartiere Adriano).

Milano parco quartiere Adriano

Far rinascere uno dei quartieri incompiuti della città

Gli assessori Pierfrancesco Maran (Urbanistica), Marco Granelli (Mobilità) e Gabriele Rabaiotti (Lavori pubblici) sostengono che “si tratta di un grande piano che consentirà di far rinascere uno dei quartieri incompiuti della nostra città. Con la realizzazione di un grande parco e di una scuola porteremo nuovi servizi, con il prolungamento della metrotranvia 7 offriremo un collegamento fondamentale per la viabilità della zona, con la rigenerazione degli spazi urbani creeremo nuovi luoghi di aggregazione e socialità. Vogliamo rivitalizzare il quartiere con infrastrutture e servizi che miglioreranno la qualità della vita dei cittadini, renderlo profondamente connesso con il territorio circostante”.

Dopo il fallimento dell’operatore privato che avrebbe dovuto attuare il Programma Integrato di Intervento denominato “Adriano Marelli e Cascina San Giuseppe”, l’Amministrazione ha attivato i poteri sostitutivi e si è fatta carico di effettuare parte delle opere non realizzate per un ammontare di 10.850.000 euro. Qualora non si individuassero operatori interessati a completare la struttura della RSA lasciata incompiuta, il Comune identificherà una soluzione per toglierla dal degrado. Con le risorse comunali sono state già completate le opere di urbanizzazione primaria e secondaria – piazze e giardini – sul versante est del quartiere, sono state demolite le strutture fatiscenti della Cascina San Giuseppe e sistemate a verde elementare le aree adiacenti alla stessa. Stanno per partire i lavori di sistemazione del parco pubblico nella parte di area che non necessita di bonifica, mentre entro la fine dell’anno inizierà la bonifica per la seconda parte del parco, per la cui successiva realizzazione si chiede al Governo uno stanziamento di 2 milioni di euro.

Nell’area di via Adriano 60, dal 2015 di proprietà comunale grazie alla permuta con Aler e Regione Lombardia, verrà realizzata una nuova scuola secondaria di I grado dotata di mensa e palestra. L’Amministrazione ha già finanziato e avviato i lavori di demolizione di immobili e bonifica dell’area per un totale di 6.450.000 euro, cui si aggiungono ulteriori risorse comunali per 1.400.000 e un contributo della Regione di 800.000 euro. In tutto sono 8.650.000 euro dunque le risorse già utilizzate per la bonifica o già disponibili per la realizzazione della struttura scolastica. Al Governo si chiede un finanziamento per i restanti 7,8 milioni di euro necessari.

Metrotranvia 7 – Prolungamento tramviario

La mobilità sostenibile è un punto cardine dello sviluppo del quartiere. La Giunta ha già approvato infatti il progetto per il prolungamento tranviario della Linea 7 che fino ad oggi serve la tratta Piazzale Lagosta – Precotto, fino a via Adriano. Il prolungamento, che prevede la realizzazione di circa 3 km di tracciato (1,5 per ciascuna direzione) per 8 fermate (4 per direzione) con banchine di 35 metri, consentirà di trasportare fino a 4.500 passeggeri all’ora per direzione. L’opera permetterà inoltre di collegare agevolmente il quartiere con la linea metropolitana M1 stazione Precotto, la stazione ferroviaria Greco-Pirelli, l’Università statale Bicocca, l’Azienda Ospedaliera Niguarda, e in futuro con la linea metropolitana M2 stazione Cascina Gobba. L’Amministrazione ha già stanziato 7.923.324 euro, di cui 2.469.192 necessari alla bonifica e al risanamento dell’area di deposito di Precotto. Al Governo si chiede un finanziamento per i restanti 7.900.000 euro.

Come potrebbe influire il cambiamento climatico sul quartiere Adriano?

Più specificatamente, quali criticità di ordine geologico, idraulico o sismico potrebbero un domani avere degli impatti sul territorio? Per tentare di rispondere a queste domande e poter indirizzare la pianificazione urbanistica del futuro di una zona posta in prossimità del fiume Lambro – quindi potenzialmente interessata da fenomeni alluvionali – l’Amministrazione ritiene necessario aggiornare il quadro idrogeologico di riferimento. Questo verrà fatto attraverso studi tecnico-scientifici che prenderanno in considerazione l’assetto idraulico e il nuovo assetto territoriale derivante dalla nuova pianificazione. L’Amministrazione ha già stanziato 300.000 euro, al Governo si chiede la medesima somma per coofinanziare gli studi.

Rigenerazione degli spazi urbani, l’accordo con Fondazione Cariplo

L’Amministrazione ha sottoscritto un Accordo di collaborazione con Fondazione Cariplo per lavorare alla riqualificazione degli spazi esistenti nel quartiere Adriano e in altri ambiti nelle periferie e nei quartieri della città e metterli a disposizione della comunità, creando luoghi di aggregazione, formazione, cultura e coesione sociale. L’Accordo prevede, in particolare, lo sviluppo di un prototipo di rigenerazione urbana e coinvolgimento della comunità. Il modello pensato da Cariplo, basato su una metodologia partecipata in coerenza con la natura sussidiaria della Fondazione, è adatto ad essere replicato in diversi contesti periferici milanesi e non solo. Più nello specifico, il progetto vuole promuovere la partecipazione e l’integrazione realizzando in una o più strutture esistenti una “community hub” (CH), un luogo di riferimento per i cittadini gestito direttamente dalla comunità locale. Il CH sarà un punto di accesso ai servizi di welfare, dove residenti, imprenditoria locale e organizzazioni potranno allearsi per migliorare la qualità della vita, ma anche un luogo di aggregazione sociale, con attività culturali, e di formazione al lavoro. Il progetto prevede inoltre la riqualificazione di aree, piazze e percorsi pedonali allo scopo di migliorare la vivibilità dell’ambiente urbano. L’investimento di Fondazione Cariplo, per il quale non sono richieste ulteriori risorse al Governo, si colloca all’interno di un programma triennale per il quale la Fondazione ha stanziato nel complesso 10 milioni di Euro.

L’Amministrazione infine ha già impegnato oltre un milione di euro per la pulizia, demolizione e sistemazione a verde dell’area dell’ex campo nomadi di via Idro chiuso dalla precedente amministrazione. Tra pochi giorni partiranno gli interventi di pulizia dell’area da parte di Amsa.

Il piano del Comune si concilia e si completa con quello pensato dalla Città metropolitana per l’area adiacente e anch’esso partecipante al bando ministeriale. Il progetto prevede la riqualificazione dei territori attorno alla linea metropolitana extraurbana M2 tra Cimiano e Gessate. In particolare, si prevedono azioni di ristrutturazione delle stazioni della linea M2, la realizzazione e riqualificazione dei percorsi di accessibilità dei territori periferici con il trasporto pubblico, interventi di verde e di housing sociale. Per il quartiere Adriano infine la Città metropolitana, con un ulteriore progetto di cui è capofila il Comune di Sesto San Giovanni e a cui partecipa il Comune di Milano, richiederà un finanziamento per realizzare l’interramento degli elettrodotti posti in via Sottocorno, lungo il confine tra i due comuni.

Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone