Terremoto, due morti a Pescara del Tronto almeno una vittima ad Accumoli. Bilancio provvisorio

Amatrice, nel Reatino, è un paese fantasma. Ci sono già alcuni morti accertati a causa della fortissima scossa di terremoto che è stata avvertita nella notte in tutto il Centro Italia. Il sisma, rende noto l’Ingv, ha avuto una magnitudo di 6.0, una profondità di 4 km ed è stato registrato alle 3.36 con epicentro ad Accumoli, vicino Rieti. A questa prima scossa ne sono seguite altre nella notte: una di magnitudo 3.9 vicino Perugia, e altre due di magnitudo 3.9 e 3.8 sempre nei pressi di Rieti. È stata di magnitudo 5.4 la seconda forte scossa di terremoto registrata alle 4:33, con epicentro tra Norcia (Perugia) e Castelsantangelo sul Nera (Macerata) ed ipocentro a 8,7 km di profondità. Il sisma è stato avvertito anche a Roma e Bologna, ma qui non si riscontrano danni a cose o persone.

La triste conta dei morti

Nel crollo della loro abitazione a Pescara del Tronto, una frazione di Arquata, nelle Marche, è morta una coppia di anziani coniugi, deceduti nel crollo. Almeno una vittima anche ad Accumoli, paese nel Reatino epicentro della forte scossa di terremoto. Lo rende noto il sindaco Stefano Petrucci. “Qui è una tragedia, avviamo crolli e morti. Al momento uno accertato, ma altre quattro persone sono sotto le macerie e non rispondono ai soccorritori. È un disastro, siamo senza luce, senza telefoni”.

Amatrice devastata

“Le strade di accesso al paese sono isolate, lancio un appello per liberare le strade. Metà paese non c’è più, abbiamo gente sotto le macerie. Abbiamo spazio per elicotteri di soccorso, ma la priorità è liberare le strade”. È il primo appello del sindaco Sergio Pirozzi. Il Dipartimento della Protezione civile è in contatto con tutti i territori colpiti, come ad Amatrice, dove sono in arrivo i mezzi speciali. Lo rende noto Palazzo Chigi, con un post su Twitter.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi segue da Palazzo Chigi gli sviluppi della situazione del forte sisma, in stretto contatto con la Protezione civile.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone