Udine, incendio in via Val Raccolana distrutta preziosa collezione di giochi in scatola di Daniele Musto

L’incendio è divampato in un appartamento al quarto piano di una palazzina al civico 4 di via Val Raccolana, al Villaggio del Sole. Si è reso necessario anche l’intervento del 118 visto che una donna è rimasta intossicata.

Distrutto un appartamento. Il rogo è iniziato all’interno di una stanza in cui l’inquilino teneva una collezione di all’incirca 2500 giochi in scatola. E’ stato lo stesso uomo a sentire uno scoppio e a chiamare i soccorsi. Un’anziana donna è stata accompagnata in Pronto soccorso per accertamenti.

All’interno dell’abitazione c’era l’affittuario Daniele Musto

Daniele Musto è un ambulante specializzato nel commercio di giochi e in passato titolare della Ludoteca di via Sarpi. L’uomo stava guardando la televisione quando uno scoppio, proveniente dal locale che ospita lo scaldabagno, ha generato del fumo che in pochi secondi ha avvolto l’intera abitazione.

Accortosi dell’incendio, Daniele Musto ha preso in braccio i cagnolini che aveva in casa ed è fuggito di sotto, avvisando i vicini. In allarme anche l’anziana coppia residente nell’appartamento vicino a quello di Musto. E’ rimasta lievemente intossicata Maria Saro, 82 anni. La donna è stata trasportata precauzionalmente al pronto soccorso per gli accertamenti

A fuoco i giochi

Nel rogo è andata distrutta una preziosa collezione di giochi da tavola (2500 pezzi) che Daniele Musto aveva riposto in una trentina di scaffali alloggiati nell’appartamento. Sul posto anche i carabinieri e la polizia locale di Udine, con via Val Racolana rimasta chiusa per consentire l’intervento ai vigili del fuoco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Udine, incendio in via Val Raccolana distrutta preziosa collezione di giochi in scatola di Daniele Musto Udine, incendio in via Val Raccolana distrutta preziosa collezione di giochi in scatola di Daniele Musto ultima modifica: 2016-08-18T02:07:41+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento