Ciao, Renzo

13332985_1285923264769016_9091340742356651698_n

 

Di vincenzo calafiore

17 Agosto 2016 Udine

 

Martedì 16 Agosto Venzone

 

 

Fa che la morte mia (Biagio Marin)


Fa che la morte mia,
Signor, la sia
comò ‘l score de un fiume in t’el mar grando,
comò la melodia
de la dosana¹ che de quando in quando
a ridosso de un faro la pianzota
per un momento,
e la va via apena co’ un lamento
verso l’averto, sensa lota.
Fa che ‘l gno ultimo respiro
el se pusa sul mondo incòra ciaro,
comò ‘l maistro estivo
in t’i puninti el cala sensa amaro.
Tégneme senpre vivo,
che posso ringrassiate
de le ore de pena
e de quele beate
e de la luse, Signor, mia zogia piena,
d’ogni mio canto in te l’aria serena.

 

 

Si conclude un sogno, si serrano le labbra sulla perla! Renzo Marzona con la sua innata delicatezza comincerà a staccare dalle pareti di Palazzo Orgnani- Martina le sue perle, lo farà immagino mentre ascolta la musica; la stessa che ha accolto i visitatori nell’esposizione.

Che dire più delle firme e dei commenti raccolti in tante pagine del Registro dei Visitatori?

Renzo Marzona a guardarlo lo associ alla delicatezza, o alla buona musica o a una beata trasfigurazione. Ma è principalmente un uomo che ama tutto ciò che fa e tutto ciò che fa poi lo fa amare da chi queste cose, questi uomini, ama.

Entri nella mostra e ti accoglie con un sorriso, non lo fa per accattivare, ma perché lui è sostanzialmente un uomo felice, felice delle cose belle che fa, felice di donare bellezza e cultura, felice di incontrarti nella sua ideale “ bottega dell’Arte “.

Su di lui si è detto già tutto e per me c’è poco spazio per muovermi stando bene attento a non rovinare l’armonia attorno, quindi in queste poche righe non voglio fare un’esamina di tutto l’insieme, ma voglio chiudere ( per il momento ) questa Sua ultima donazione parlando di lui, di Renzo Marzona sempre trovando le giuste parole.

Ho avuto modo di seguirlo, di parlare con lui, discorsi interrotti dall’arrivo di qualcuno o di piccoli gruppi e tutti indistintamente con la stessa espressione di meraviglia dipinta sui volti, tutti in punta di piedi come a non voler rompere quell’insieme armonico, come davanti a uno spettacolo fatto di silenzio e di tante immaginazioni.

Venzone dovrebbe esserle grata, per aver portato tanta grazia in mezzo a turisti in bicicletta seduti in piazzetta, sudati e stanchi, ai tanti visitatori provenienti dalla vicina Slovenia, Austria. Dovrebbe esserle grata di aver portato quel tocco di eleganza e signorilità, sobrietà, propria  e del palazzo Orgnani-Martina.

Dunque  “ MARZONA   TERRA MADRE “ oggi chiude i battenti e lo farà senza tanto rumore, lasciando dietro di se una scia malinconica, quella che lasciano le cose belle andandosene. C’è ancora la musica nell’aria del cortile, ci sono le voci sospese, ci sono ricordi e visioni di volti sorridenti e di lui che spiegando ogni video concede più conoscenza di se.

Come non ricordarlo?

Come dimenticare Renzo che con la sua “ astronave a remi “ veleggerà chissà per quale costellazione?

A questa cosa ci ho pensato molto e non ho perso tempo ad entrarci e fare parte dell’equipaggio, così pure Claudio DeMuro e Flavio Snidero, Giovanni Anziutti i suoi amici, i miei amci!

Ecco mi piace ricordarlo e seguirlo come amico, sentirmi suo amico. Io gliene sono grato! Non solo di questo, ma delle emozioni che i suoi quadri e tutta la mostra alla fine mi ha regalato; a guardarli bene quei quadri sono pagine di un portolano che lui Renzo ha scritto e che continuerà a scrivere fino alla conclusione del suo vagare tra gli spazi esterni e lontani con la sua “ astronave a remi “ che lo porta distante da questa realtà schiava e serva di un sistema che poco concede e tanta vita porta via.

Non importa conoscere il “ com’è andata? “ quel che importa è la poesia che rimane sospesa ancora per giorni dentro le mura di Venzone, quando l’ultimo quadro sarà caricato con cura su un mezzo che uscirà piano senza fare rumore.

A quest’uomo, mi va di scrivere una lettera, questa lettera! Per ringraziarlo e per esprimergli la mia gratitudine, la mia amicizia. Desidero augurargli sempre più viaggi dell’anima, e sempre più pagine del suo portolano da scrivere, affinchè rimanga di lui quella scia di eleganza e poesia ….

 

“ ….. succede di notte a Sud di Orione, in un oceano nero. L’astronave a remi ha un brivido, arriva uno strattone al boma e alla barra, le vele piene di vento siderale si svuotano, si gonfiano al contrario. Non è solo un cambio di vento, è molto di più. Una trasfigurazione! “

 

Ciao Renzo e grazie!

9 su 10 da parte di 34 recensori Ciao, Renzo Ciao, Renzo ultima modifica: 2016-08-17T05:28:23+00:00 da Vincenzo Calafiore
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone