Amichevole Crotone – Atletico Madrid festa grande a Cosenza

stadio san vito durante l'incontro crotone-atletico madridNotte magica al San Vito-Gigi Marulla di Cosenza e pubblico entusiasta che ha invaso ogni ordine di posto per assistere a quello che sara’ ricordato come l’incontro clou dell’ultimo decennio. E perche’ ogni tifoso potesse dire: “anche io c’ero”, ha fatto lunghe code ai botteghini nei giorni che hanno preceduto l’incontro. La lunga attesa non e’ andata delusa. Grazie alla prestazione di chi e’ sceso in campo nel corso dei novanta minuti piu’ recupero e’ sembrato di vedere in alcuni momenti l’Atletico Madrid che ha disputato la finale di Champions League contro il Real Madrid, ed un Crotone gia’ con la mente rivolta alla massima serie che ha tenuto testa al piu’ quotato avversario. Formazioni schierati con i migliori uomini ad eccezzione di qualche acciaccato o in debito con la preparazione. Rossoblu’ con il trio difensivo Ceccherini a destra, Claiton e Ferrari centrali; Sampirisi, Capezzi, Salzano, Martella a difendere il reparto mediano; Tonev esterno destro, Stoian esterno sinistro, Palladino punta centrale. Gli spagnoli in campo con i sette/undicesimi della finale champions. Gli uomini di Diego Simeone fin dal primo minuto hanno fatto capire che volevano vincere l’incontro e con i vari Borre’ e Thomas hanno cercato la via del gol. Il primo affondo degli ospiti al dodicesimo minuto con Thomas che manda il pallone a sfiorare il palo alla destra di Cordaz. Il numero uno pitagorico compie il miracolo al minuto ventiquattro respingendo un pericoloso pallone. Il Crotone ha risposto alle pericolose giocate avversarie con Palladino in piu’ occasioni e con Stoian che sulla fascia sinistra ha fatto soffrire il suo diretto avversario. Un Crotone che chiude bene il primo tempo evidenziando compattezza difensiva, ordine a centrocampo con Capezzi e Salzano, pericolosita’ in attacco specie sulle fasce con Stoian e Tonev. L’unico neo l’uscita per infortunio di Ferrari soztituito da Di Roberto che ha  comportato lo spostamento di Sampirisi difensore centrale. Il vantaggio dell’Atletico al minuto ventiquattro. L’azione che ha consentito a Gaitan (subentrato a Borre’) di mettere dentro il pallone e’ scaturita da una giocata in contropiede dopo che il Crotone ha perso il pallone a centrocampo. Alla distanza e’ emersa la differenza tra le due formazioni nonostante i continui cambi. Rossoblu’ che ancora hanno da lavorare per presentarsi al via della stagione ma sono sulla buona strada. Atletico Madrid che guarda alla prossima  competizione di Champions con l’intento di arrivare ancora in finale. Raddoppio sul finire della gara quando i rossoblu’ avevano dato tutto. Il sabato notte del 6 agosto 2016 difficilmente scomparira’ dalla mente di coloro che hanno occupato ogni ordine di posto del San Vito. Doveva essere per la citta’ di Pitagora l’evento finale della festa per la promozione dei rossoblu’ in serie A che per l’occasione avrebbe fatto registrare l’arrivo di tifosi da ogni parte della Calabria ed invece, anche in questo caso, i crotonesi hanno dovuto emigrare. Grazie a quanti si sono prodigati, in primis il presidente Raffaele Vrenna, le autorita’ istituzionali di Cosenza, perche’ l’evento si concretizzasse nella vicino Crotone. Le Istituzioni crotonesi ancora una volta si sono fatti trovare impreparati di fronte ai grandi eventi e la promozione in serie A del Crotone era cosa fatta gia’ dopo la trentanovesima giornata (29 aprile 2016). I lavori di ristrutturazione dell’Ezio Scida iniziati il 2 agosto 2016.

Crotone        0

Atl. Madrid  2

Marcatori: 59° Gaitan 93° Diago Jota

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari (Di Roberto), Sampirisi, Capezzi (Rhoden), Salzano (Gnahoré), Martella, Tonev, Palladino (De Giorgio), Stoian (Nwankwo). All. Nicola

Atl. Madrid (4-4-2): Oblak, Gobin, Filipe, Vrsaljko (Juanfran), Tiago (Koke), Saul (Diogo Jota), FernandoTorres (Hector), Savic (Lucas), Gabi (Augusto), (Gaitan), Borre’, Thomas (Carrasco). All. Simeone

Arbitro: Maresca di Napoli

Coll. Carboni di Napoli – La Rocca di Ercolano

Ammoniti: Godin

Angoli: 5 a 1 per l’Atletico

Recupero: 2 e 4 minuti

Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone