Strage degli italiani a Dacca, il mandante è Tamim Chowdhury leader di una fazione di Jamaat-ul-Mujaheddin Bangladesh

Il primo luglio scorso in un ristorante a Dacca, in Bangladesh, un commando di almeno 5 uomini ha preso in ostaggio numerose persone uccidendone 20 di cui 18 straniere. Tra le vittime 9 italiani. La Polizia del paese asiatico ha scoperto il mandante. Si tratterebbe di Tamim Chowdhury, 30 anni. E’ cittadino canadese e bengalese. Sarebbe attivo nel radicalizzare i giovani musulmani più ortodossi, finanziandone addestramento ed equipaggiamento e istruendoli a colpire.

Tamim Chowdhury è ancora latitante

Il mandante della strage è al momento irreperibile. Tamim Chowdhury, secondo la Polizia locale, sarebbe leader di una fazione di Jamaat-ul-Mujaheddin Bangladesh. Jmb è il gruppo ultra-islamista fondato nel 1998 e al bando dal 2005, ritenuto responsabile di decine di omicidi di stranieri o esponenti delle minoranze religiose bengalesi.

Tamim Chowdhury avrebbe “indirizzato” anche i fondamentalisti che una settimana la strage dei nostri connazionali, a Sholakia, nel nord, attaccarono un raduno di 250 mila fedeli riuniti per celebrare Eid al-Fitr, la ricorrenza che sancisce la fine del mese sacro del Ramadan. Avrebbe procurato armi, esplosivi, denaro, istruzioni e persino il nascondiglio a 9 miliziani scoperti ed eliminati dalle teste di cuoio a Kalyanpur, sobborgo sud-occidentale della capitale. Si è arrivati a lui attraverso le dichiarazioni rese sotto interrogatorio da un integralista arrestato in tale occasione, Rakibul Hassan di 25 anni.

Sia la strage di Dacca che quello a Sholakia sono state rivendicate anche dallo Stato Islamico. Gli inquirenti stanno provando a stabilire se tra le 2 organizzazioni terroristiche esistano legami.

9 su 10 da parte di 34 recensori Strage degli italiani a Dacca, il mandante è Tamim Chowdhury leader di una fazione di Jamaat-ul-Mujaheddin Bangladesh Strage degli italiani a Dacca, il mandante è Tamim Chowdhury leader di una fazione di Jamaat-ul-Mujaheddin Bangladesh ultima modifica: 2016-07-31T09:53:21+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone