Il 56,2% dei detenuti condannati in via definitiva deve scontare una pena breve sostituibile con una misura alternativa

Sono 19812 i detenuti che devono scontare una pena residua inferiore ai 3 anni e dunque potrebbero accedere alle misure alternative. E’ quanto emerge dal rapporto dell’associazione Antigone

Secondo il rapporto sulle carceri italiane, illustrato oggi a Roma, il 56,2% dei detenuti condannati in via definitiva deve scontare una pena breve facilmente sostituibile con una misura diversa dal carcere.

L’associazione nel suo rapporto ha “fotografato” la situazione delle carceri italiane, le condizioni di vita dei detenuti e i disagi lavorativi per il personale penitenziario.

Il sovraffollamento delle carceri

Nonostante siano stati apportati diversi correttivi al sistema giudiziario, il sovraffollamento carcerario è un problema contingente al pari delle carenze nell’organico. In Parlamento a più riprese si è affrontato il tema delle depenalizzazioni e di provvedimenti di clemenza (amnistia o indulto) ma tutto si è arenato. Serve uno scatto in questa direzione per una riforma della pena prima ancora che del sistema giudiziario.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il 56,2% dei detenuti condannati in via definitiva deve scontare una pena breve sostituibile con una misura alternativa Il 56,2% dei detenuti condannati in via definitiva deve scontare una pena breve sostituibile con una misura alternativa ultima modifica: 2016-07-28T14:44:25+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook23Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone