Monaco di Baviera, tra le vittime ci sono anche “adolescenti” ma non bambini

“Al momento si parla di sparatoria”, ha precisato il capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, spiegando che la definizione dell’atto è legata al movente dell’omicida, tra le cui vittime ci sono anche “adolescenti” ma non bambini.

Cosa lo abbia spinto a colpire e i contatti del killer di Monaco, secondo Hubertus Andrae, non sono noti. Mancano informazioni anche sui parenti dello sparatore che “aveva la cittadinanza tedesca e iraniana” e viveva nel capoluogo bavarese da diversi anni. Andrae non ha chiarito se è stato un “atto terroristico” o di “follia”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone