Vasto, parcheggi a pagamento gratis se non puoi pagare con bancomat o carta di credito

Il consigliere comunale di opposizione Nicola Del Prete solleva un problema che coinvolge i Comuni che non ancora adeguano i parchimetri alle nuove disposizioni di legge. “Continuo a vedere, a Vasto, le colonnine per il pagamento del ticket per fruire della sosta nei parcheggi a pagamento sprovvisti dei meccanismi di pagamento con bancomat o carta di credito. Ciò significa che chi non ha monete può tranquillamente non pagare la tariffa senza incorrere in sanzioni”.

Il politico ricorda in una nota che “il comma 901 della legge di Stabilità 2016 obbliga i Comuni ad adeguare i dispositivi di controllo della durata della sposta a pagamento per consentire i pagamenti con bancomat o carte di credito – spiega Del Prete –. Per incentivare i pagamenti elettronici, infatti, questo comma stabilisce che “dal primo luglio 2016 c’è l’obbligo di accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di credito o carte di debito. In sostanza i Comuni avrebbero dovuto attivarsi per dotare i parchimetri dei sistemi di pagamento tramite Pos e i cittadini non incorreranno in alcuna sanzione per il mancato pagamento della sosta sulle strisce blu, fino a quando quei sistemi non saranno installati. C’è un solo modo per evitare tutto questo – prosegue Del Prete – i Comuni, in questo periodo transitorio, devono dimostrare di non poter ottemperare all’obbligo per “oggettiva impossibilità tecnica”. Il Comune di Vasto, in questo caso, a mio avviso, rientrerebbe nella deroga perché è in gestione provvisoria, non ha approvato il bilancio di previsione 2016 nei tempi e nei modi che impone la legge. Il problema, però, è che questa gestione provvisoria viene sconfessata continuamente da atti di giunta e da determine dirigenziali con impegni che vanno ben al di là di ciò che potrebbe assumere un Comune in gestione provvisoria. Per questo motivo per un avvocato che volesse fare ricorso, sarà fin troppo facile dimostrare che le multe elevate dopo il 1 luglio per il mancato pagamento della tariffa del parcheggio vanno annullate. Alla luce di queste considerazioni – conclude il consigliere Del Prete – mi chiedo se l’amministrazione comunale stia procedendo all’adeguamento dei parchimetri. E non dica che siccome i decreti attuativi non sono stati ancora emanati, essi non farebbero entrare in vigore la norma. Non dia questa ridicola spiegazione, perché la legge è scritta ed il volere del legislatore è quella di farla applicare, pertanto, in attesa dei decreti, sarebbe opportuno quanto meno adeguarsi, come hanno fatto o stanno facendo tanti altri Comuni”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone