Biella, in cambio di sesso sadomasochista pagava in soldi, sigarette, ricariche telefoniche e altri regali

A far emergere la brutta storia è stata la denuncia dei genitori di una minore che, guardando il profilo Facebook della figlia, hanno notato conversazioni imbarazzanti. L’accurata analisi tecnica sui cellulari e supporti informatici sequestrati all’indagato ha confermato che l’uomo di 49 anni usava solitamente i social per avvicinare giovanissime. Deve rispondere di sfruttamento della prostituzione minorile.

Secondo l’accusa il biellese adescava minorenni su Facebook fingendosi una ragazzina. L’uomo è stato arrestato dalla Polizia su ordinanza del gip del Tribunale di Torino. In cambio di sesso sadomasochista pagava in soldi, sigarette, ricariche telefoniche e altri regali.

Le indagini hanno coinvolto il Compartimento Polposta Piemonte con il coordinamento del C.N.C.P.O. del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Biella, in cambio di sesso sadomasochista pagava in soldi, sigarette, ricariche telefoniche e altri regali Biella, in cambio di sesso sadomasochista pagava in soldi, sigarette, ricariche telefoniche e altri regali ultima modifica: 2016-07-21T10:58:18+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone