Il Senato respinge l’uso delle intercettazioni telefoniche tra Silvio Berlusconi e le “olgettine”

A favore della richiesta della Giunta per le autorizzazioni a procedere – che aveva dato esito favorevole per l’utilizzazione delle intercettazioni – sono stati 120, i contrari 130 e gli astenuti 8. Il voto è stato a scrutinio segreto. Subito dopo la votazione dell’assemblea, i senatori del M5S hanno protestato e il presidente Pietro Grasso ha sospeso la seduta.

“Il Pd con il voto segreto salva Berlusconi e prova a puntellare la sua sempre più scricchiolante maggioranza. Un modo subdolo per provare ad assicurarsi anche un comportamento benevolo da parte dei berlusconiani e del loro potente sistema mediatico nel referendum costituzionale”.

A “denunciarlo” il capogruppo M5s al Senato Stefano Lucidi, commentando il “no” dell’aula del Senato all’uso delle intercettazioni di Berlusconi. “Il patto del Nazareno è risorto”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il Senato respinge l’uso delle intercettazioni telefoniche tra Silvio Berlusconi e le “olgettine” Il Senato respinge l’uso delle intercettazioni telefoniche tra Silvio Berlusconi e le “olgettine” ultima modifica: 2016-07-20T14:07:40+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento