Detenuti sottoposti a maltrattamenti ad Ankara e Istanbul, John Dalhuisen: “il governo turco rispetti i diritti umani”

Amnesty International indaga sulle notizie di detenuti sottoposti a maltrattamenti ad Ankara e Istanbul e ai quali verrebbe negato l’accesso agli avvocati.

John Dalhuisen, direttore per l’Europa e l’Asia centrale di Amnesty International, sostiene che la situazione “è allarmante. Il tentativo di colpo di stato ha scatenato un impressionante livello di violenza. I responsabili di uccisioni illegali e di altre violazioni dei diritti umani devono essere portati di fronte alla giustizia, ma la repressione contro il dissenso e la minaccia di ripristinare la pena di morte sono un’altra cosa rispetto alla giustizia”.

Dalhuisen chiede ad Ankara di “esercitare moderazione e rispettare lo stato di diritto nello svolgimento delle necessarie indagini, garantire processi equi a tutti i detenuti e a rilasciare tutti coloro contro i quali non vi sono prove concrete di aver preso parte ad azioni criminali. Un arretramento nel campo dei diritti umani è l’ultima cosa di cui la Turchia ha bisogno”.

Per Amnesty International “le dichiarazioni del presidente Erdogan e di rappresentanti del governo circa il ripristino della pena di morte e il suo uso retroattivo per punire i responsabili del tentato colpo di stato sono particolarmente inquietanti: un passo del genere violerebbe le convenzioni sui diritti umani di cui la Turchia è parte, oltre che le stesse garanzie costituzionali del paese”.

Dalhuisen“Ora è più importante che mai che il governo turco rispetti i diritti umani e lo stato di diritto, esattamente come i promotori del colpo di stato non hanno fatto” – ha concluso Dalhuisen.

9 su 10 da parte di 34 recensori Detenuti sottoposti a maltrattamenti ad Ankara e Istanbul, John Dalhuisen: “il governo turco rispetti i diritti umani” Detenuti sottoposti a maltrattamenti ad Ankara e Istanbul, John Dalhuisen: “il governo turco rispetti i diritti umani” ultima modifica: 2016-07-19T12:34:29+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone