Milano, maxi sequestro di merce contraffatta dannosa per la salute

Un maxi sequestro di merci contraffatte dannose per la salute è stato effettuato in due diverse operazioni della Polizia locale. In particolare, si tratta di un sequestro di quasi 180 mila sacchetti di plastica per l’asporto merci non conformi alle normative ambientali per un valore commerciale di 105 mila euro e di un altro di circa 5 mila prodotti cosmetici (smalti, gel per unghie, olio per bambini, shampoo e tinture per capelli, oltre a 60 kg di polveri ora sotto analisi), per un valore complessivo di circa 60 mila euro.

Nel primo caso il materiale è stato rinvenuto in un camion e in un magazzino situato in un comune dell’area metropolitana milanese. La sanzione amministrativa pecuniaria prevista va da un importo minimo di 5 mila ad uno massimo di 25 mila euro. Nel secondo caso il sequestro è avvenuto in un negozio con magazzino in zona Paolo Sarpi a Milano e il titolare dell’esercizio è stato denunciato per contraffazione e mancato rispetto della normativa vigente in materia di indicazioni sulla natura dei componenti chimici.

“Questi interventi sono fondamentali – ha detto Carmela Rozza, assessore alla Sicurezza nel corso della conferenza stampa – non solo per difendere l’ambiente ma anche per assicurare ai consumatori, soprattutto di quelli a basso reddito che acquistano i prodotti più economici, prodotti non dannosi. Ringrazio la Polizia locale per l’efficienza dimostrata in queste operazioni necessarie anche per tutelare tutti i seri e onesti commercianti, italiani o stranieri che siano, che operano sul nostro territorio”.

“Le tecniche di stoccaggio – ha spiegato il Comandante della Polizia locale Antonio Barbato – si stanno sempre più affinando. Se prima il materiale contraffatto veniva conservato in capannoni, ora le merci sono conservate anche in box auto o in casa e diventa sempre più difficile individuare chi commette il reato. Nel caso dei prodotti cosmetici sono state alcune segnalazioni di clienti che avevano lamentato irritazioni a seguito del loro utilizzo che ci hanno permesso di arrivare al sequestro dei materiali. Le indagine sui 60 kg di polvere sono ancora in corso da parte dell’ATS di Milano”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone