Treviso, boom di visualizzazioni per Awakenings il nuovo micro-movie emozionale del regista Michele Pastrello

Sono oltre 10 mila le visualizzazioni su Facebook in un solo giorno il nuovo micro-movie emozionale del pluripremiato regista trevigiano Michele Pastrello.

Awakenings (coscienza dopo il sonno) dura poco meno di 5′ e in un montaggio vorticoso si narrano quattro storie diverse – ma in qualche modo simili – di “risveglio esistenziale”. Racconta il regista veneto: “Le due principali regole – spiega l’ingegnere americano William E. Deming – che stanno alla base della vita sono: 1) Il cambiamento è inevitabile. 2) Tutti cercano di resistere al cambiamento. Il problema sopraggiunge quando la resistenza diventa autodistruzione. Citando Sartre, che diceva: ‘C’è perfino un momento, al principio, in cui bisogna saltare un precipizio: se si riflette non lo si fa’, ecco, i miei personaggi questo salto lo faranno”.

Continua Pastrello: “Awakenings” è proprio questo, è la rivincita di vivere la vita per quello per cui vale la pena viverla. La rivincita sul non detto, il non fatto, il perduto, il desiderato”.

pastrello

Prodotto da Pastrello con la collaborazione di Matteo Stefani di BMovieItalia (Mestre), il micro-movie – i cui protagonisti sono Alice Pagotto, Alessandra Odoardi, Stefano Negrelli e Marco Tizianel – , che mescola dramma e tocchi fantasy, è stato pubblicato in anteprima su Wired. Il video è stato girato tra Treviso, Padova e Venezia. Già poco più di un anno fa Pastrello aveva realizzato un altro breve video emozionale, dal titolo Desktop (man and women still alive), molto ben recensito e assai condiviso dal popolo del web, anche quest’ultimo prodotto tutto in Veneto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Treviso, boom di visualizzazioni per Awakenings il nuovo micro-movie emozionale del regista Michele Pastrello Treviso, boom di visualizzazioni per Awakenings il nuovo micro-movie emozionale del regista Michele Pastrello ultima modifica: 2016-07-14T18:05:43+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento