Salerno, Premio Genovesi 2016 presentazione dei progetti

Lunedì 27 giugno, alle 10:30, nell’Aula delle Lauree della Facoltà di Ingegneria (Università degli Studi di Salerno) si svolgerà un incontro di studio per la presentazione di iniziative di pubblica utilità elaborate ed approfondite dagli studenti dell’ateneo salernitano nell’ambito del premio annuale Antonio Genovesi, organizzato dall’Università degli Studi di Salerno e dall’ACS, l’Associazione dei Costruttori Salernitani.

Il dibattito verterà sul tema: “La valutazione finanziaria di progetti per il rilancio del territorio” e vedrà la partecipazione, tra gli altri, del Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile UNISA Vincenzo Piluso, del presidente dell’Associazione dei Costruttori Salernitani, Antonio Lombardi, e dei docenti dell’ Area dell’Estimo e delle Valutazioni UNISA, Gianluigi De Mare e Antonio Nesticò.

Diciassette i progetti quest’anno al vaglio della Commissione scientifica di valutazione e che, ancora una volta, intendono esperimentare un’attività di didattica innovativa e applicativa rivolta a gruppi di studenti, eterogenei per formazione.

Hanno aderito al progetto il Centro Ricerche ENEA di Portici, la Soprintendenza BAP di Salerno, il Distretto Turistico SeleCoast, l’Azienda Agricola Sperimentale Regionale Improsta, l’Associazione Culturale GiovIng Giovani Ingegneri, e i comuni di Salerno, Agropoli (SA), Altavilla Irpina (AV), Baronissi (SA), Eboli (SA), Gragnano (NA), Laurino (SA), Mercato San Severino (SA), Montoro (AV), Pollica (SA), Pontacagnano Faiano (SA), Sturno (AV) e Vietri sul Mare (SA).

Tra le progettazioni che hanno visto impegnati oltre un centinaio di studenti dell’Ateneo salernitano, iscritti alle facoltà di Ingegneria Ambientale, Ingegneria Civile ed Economia e Commercio, divisi in gruppi di studio misti: il recupero e la valorizzazione del Teatro Romano di Benevento, il riuso del Convento di Santa Maria degli Angeli di Montoro (AV), il restauro e la rifunzionalizzazione dei mulini della valle di Gragnano (NA), l’ipotesi per un nuovo turismo balneare, culturale e ambientale lungo il litorale di Eboli (SA), la creazione di un giardino dello sport a Baronissi (SA) e di un asilo nido ad Agropoli (SA), interventi per il Castello di Mercato San Severino (SA).

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone