A Venezia firmato il protocollo per il progetto di candidatura del merletto italiano a Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco

Un’arte unica, diventata famosa in tutto il mondo, fatta di punti, intrecci, tipi di filato e grande maestria, che esce dalle case e pervade le città. E’ stato siglato a Ca’ Farsetti il protocollo per la candidatura del merletto italiano a Patrimonio immateriale dell’Umanità dell’Unesco, un progetto che vede 16 Comuni italiani uniti in rete per salvaguardare, promuovere e valorizzare un’arte antica e preziosa, simbolo della cultura e dell’identità del nostro Paese.

Da Bolsena a Chioggia, da Chiavari a Forlì, fino a Bosa, Cantù, Meldola, Gorizia, L’Aquila, Latronico, Orvieto, Rapallo, Sansepolcro, Santa Margherita Ligure, Varallo Sesia e naturalmente Venezia: 16 città, unite in sinergia per creare una collaborazione tra enti, che rafforzi sempre più la consapevolezza del valore del merletto italiano, attraverso incontri, eventi, manifestazioni a sostegno del progetto.

“La firma del protocollo – ha sottolineato la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, una delle principali sostenitrici del progetto – rappresenta un momento fondamentale non solo per sancire la candidatura, ma anche per creare un filo diretto e connesso tra culture e tradizioni delle diverse città italiane custodi di quest’arte millenaria”.

A rappresentare il Comune di Venezia è stato il sindaco, Luigi Brugnaro che nel ringraziare la presidente Damiano per l’iniziativa ha detto: “Abbiamo realizzato un progetto importante, che valorizza la nostra storia e il nostro territorio”. Stringendo le abili mani delle maestre merlettaie, giunte da Burano e Pellestina per l’evento, ha poi affermato: “Questo progetto è un riconoscimento al vostro lavoro, alla vostra dedizione. Avete svolto nella vostra vita qualcosa di importante e qualcuno se ne è accorto. Siete l’orgoglio delle vostre famiglie”.

Sul ruolo delle donne si è soffermata anche la presidente della Fondazione Musei Civici, Maria Cristina Gribaudi, che ricordando il successo della Biennale del Merletto, appena conclusa, ha sottolineato come proprio le donne, grazie alla loro abilità virtuosistica, abbiano anche sostenuto economicamente le proprie famiglie. “Una presenza silenziosa ma determinata, che ci regala un’arte e un esempio di vita di coraggio e di tenacia.

Dalla coordinatrice del progetto, Maria Vittoria Ovidi, presidente dell’Associazione Bolsena ricama, l’auspicio che il testimone di questa antica tradizione riesca a passare alle nuove generazioni.

Ad accompagnare la candidatura il logo ufficiale realizzato da Vincenzo Lucchesi Salati, che ispirandosi alla cultura tardo romana, classica e agli edifici religiosi si compone di un rosone, simbolo di cultura e architettura, di una M e di una I, iniziali di merletto italiano, e di un ago.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Venezia firmato il protocollo per il progetto di candidatura del merletto italiano a Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco A Venezia firmato il protocollo per il progetto di candidatura del merletto italiano a Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco ultima modifica: 2016-06-15T01:52:12+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone