La Svizzera boccia il reddito di cittadinanza per tutti

Gli elettori hanno respinto con il 76,9% di “No” la proposta di introdurre un “reddito di base incondizionato” per ogni cittadino, dalla nascita fino alla morte.

L’iniziativa chiedeva alla Confederazione di istituire un reddito minimo affinché tutta la popolazione potesse condurre “un’esistenza dignitosa” e partecipare alla vita pubblica, anche senza lavorare. Nessuno dei 26 cantoni del Paese ha approvato il testo.

Nel referendum non si specificava un importo preciso, delegando la questione al legislatore, ma i promotori dell’iniziativa avevano ipotizzato la somma di 2.500 franchi al mese per gli adulti e di 625 franchi per i minorenni. L’importo sarebbe stato versato indipendentemente dal reddito e dalla situazione patrimoniale dei beneficiari.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Svizzera boccia il reddito di cittadinanza per tutti La Svizzera boccia il reddito di cittadinanza per tutti ultima modifica: 2016-06-05T20:38:59+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone